Gomorra vola verso gli Oscar

Print Friendly, PDF & Email

gomorraL’Italia punta su Gomorra per cercare di vincere l’Oscar 2009 come miglior film straniero. L’Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali) ha deciso all’unanimità e già dalla prima votazione di scegliere il film di Matteo Garrone per rappresentare il nostro Paese all’81esima edizione degli Academy Awards, che si terranno il 22 febbraio prossimi a Los Angeles. Bisognerà, comunque, aspettare la decisione ufficiale dell’Academy, che verrà resa pubblica il 22 gennaio. Il film, tratto dall’omonimo best seller di Roberto Saviano, ha battuto gli altri candidati: Il divo di Paolo Sorrentino, Giorni e nuvole di Silvio Soldini, Tutta la vita davanti di Paolo Virzì e Cover boy di Carmine Amoroso.

Il film descrive in maniera cruda e realistica la camorra, una delle più sanguinarie associazioni a delinquere italiane. La trama si sofferma su due episodi in particolare: la faida di Scampia tra gli “scissionisti” e il clan Di Lauro, e lo smaltimento dei rifiuti tossici, tema molto dibattuto negli ultimi mesi. Il regista ha voluto ricreare l’atmosfera del libro di Saviano e per questo ha girato gran parte del film nei luoghi dove è ambientato il romanzo, utilizzando anche attori non professionisti. Alcune scene vengono recitate in dialetto napoletano e questo ha reso necessario l’utilizzo di sottotitoli. Alla sua uscita nelle sale lo scorso 16 maggio, il film è stato il più visto in Italia nel primo weekend di programmazione ed è ancora in proiezione in alcune sale della penisola. Inoltre, ha ottenuto il Grand Prix Speciale della Giuria al 61° Festival di Cannes. Tra i protagonisti Toni Servillo, che interpreta anche Giulio Andreotti nel film “rivale” Il Divo. Il film è prodotto da Fandango, in collaborazione con Rai Cinema e Sky, realizzato con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e distribuito da 01.

Il produttore, Domenico Procacci, ha dichiarato: “Ci contavo. Per questo film si è registrato tanto consenso in Italia ma anche fuori. Abbiamo un’ottima distribuzione negli Stati Uniti e una buona strategia di promozione con la partecipazione a tanti festival: dopo Toronto, il film sarà a New York e a Chicago”. “Nella corsa alla candidatura italiana all’Oscar – ammette Procacci – temevo più di tutti gli altri film, Il divo. Invece, la Commissione ha votato per Gomorra all’unanimità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*