Afganistan : la Jirga delle donne

Print Friendly, PDF & Email

donne afgane _3

Sperando di portare avanti il loro programma , un gruppo di donne attiviste di  Kabul ha organizzato una Loya Jirga (grande assemblea tradizionale ) per mobilitare il voto delle donne  e aumentare la consapevolezza dei loro diritti.

Riunendo attivisti provenienti da tutto il paese, la Jirga delle donne   è stata organizzata per mettere i problemi delle donne all’ordine del giorno e per assicurarsi che le loro voci non vengano ignorate.

Karokhail, una donna  membro del parlamento dell’ Afghanistan, spera  che le elezioni presidenziali possano mettere le donne in primo piano

Si dichiara  però preoccupata per il fatto che dopo la cacciata dei talebani nel 2001, le donne in molte parti del paese hanno continuato ad affrontare  mancanza di libertà e di accesso all’istruzione.

Karokhail, che ha lottato contro il famoso e controverso diritto di famiglia per gli sciiti, approvato dal governo nel mese di aprile, ritiene che i principali candidati  per la presidenza hanno ampiamente disatteso le aspirazioni delle  donne nelle loro campagne elettorali.  Perché dovrebbero i candidati rischiare di  perdere i voti dei conservatori e degli estremisti? Vogliamo invece che le donne imparino a ottenere i loro diritti politici in una società dominata dagli uomini”

La scorsa settimana, i candidati, Abdullah Abdullah, ex ministro degli Esteri, e Ashraf Ghani, ex ministro delle finanze, hanno  partecipato a un programma televisivo speciale per discutere di questioni femminili.

Sebbene Hamid Karzai, il presidente in carica, non abbia  partecipato al programma, la discussione è stata considerata un importante riconoscimento di questioni riguardanti le donne e l’importanza del loro voto.

Mahbouba Seraj, una attivista che ha moderato il programma, ha dichiarato  ” le questioni possono essere state di minore importanza per i candidati, ma sono stati comunque maggiormente considerate  a causa della pressione delle donne attiviste”.

Sebbene gli atteggiamenti di voto delle donne non sono ancora sufficientemente sviluppato per decidere le elezioni, esse comunque hanno un ruolo importante e possono fare la differenza  nella scelta dei 3.177 candidati ai  420 seggi “.

Orzala Ashraf, una attivista dei diritti umani che ha mobilitato le donne a svolgere un ruolo più attivo in politica nelle  province orientali, afferma che il voto delle donne è parte integrante dello sviluppo democratico.

“Quello che è importante in questo contesto  è anche la cultura della democrazia e il principio di elezioni. Vogliamo mantenere il valore di questo principio”,

Ma molti attivisti si sono lamentati per le  intimidazione e violenza contro le donne prima delle elezioni in molte parti del paese.

Si dice che ci sono anche reali timori di  disimpegno a causa degli atteggiamenti sempre più conservatori che limitano le donne nelle  cariche pubbliche .

Gulalai Achakzai, una delegato per la Jirga dalla città di Kandahar, ritiene che  vi è una grande differenza tra le precedenti elezioni e queste: la sicurezza è diventata così incerta che dubito che  oltre il 10 per cento delle donne uscirà per andare a votare “,

Una recente relazione elaborata dalla missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA) e l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR), afferma che “la vita di un gran numero di donne afghane è seriamente compromessa dalla violenza.

Gli attacchi contro le donne che operano nella sfera pubblica invia un messaggio forte a tutte le donne a rimanere a casa .in una vera prigione nelle loro case che in un periodo elettorale solleva nuove preoccupazioni”,.

Il rapporto delle Nazioni Unite ha anche indicato che le minacce sono venute non solo da forze armate di opposizione, come  i talebani, ma anche dai leader religiosi, dai mullah dei villaggi e anche dalle stesse donne della famiglia.

La violenza ha già influenzato il processo democratico, tanto da diminuire il numero di donne candide alle elezioni.

Mentre una campagna concertata da parte delle ONG, organi elettorali e dei mass media hanno contribuito ad aumentare il numero di Kabul, ci sono poche donne candidate nelle province di Kandahar e Uruzgan.

Karokhail auspica che le riunioni, come le Jirga delle donne  invii un messaggio di sostegno alle donne candidate e di qualsiasi futuro governo.

“Vogliamo che sappiano che noi non possiamo essere messe a tacere. Vogliamo far capire loro  che ci siamo

.

Wazhma Frogh, il direttore di un gruppo di difesa dei diritti umani, ha detto che la Jirga  delle donne è un passo nella giusta direzione

“La nostra campagna non è per ogni candidato. Vogliamo che le donne seguano i programmi  dei diversi candidati per vedere quale è il migliore per loro”,

Hasan Bano Ghazanfa, la sola donna ministro del gabinetto Karzai, si è astenuto dal chiedere alle donne di votare per il presidente in carica.

ma ha incoraggiato la Jirga delle donne a far sentire la loro voce alle urne:.

“Non crediate che  il vostro voto non conta. Un unico voto può cambiare la sorte della famiglia, può  cambiare la vostra vita”.

———————

Nella foto da al Jazeera :attiviste afgane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*