Donne in carriera con più testosterone

Print Friendly, PDF & Email

clip_image001

Anche il testosterone ha un ruolo molto importante anzi, determinante direi, nelle scelte socio-professionali che le donne oggi compiono in vista del  loro futuro rispetto al sesso maschile; quindi esistono fattori socio-culturali ad influenzare le scelte lavorative più a rischio e ad alta competizione delle donne, ma non solo.

Questa ricerca è stata condotta da Paola Sapienza dell’Università di Evanton (Chicago) e Dario Maestripieri dell’Università di Chicago che hanno voluto vedere se anche alcuni fattori biologici come il caso della presenza dell’ ormone del testosterone, può condizionare ed influenzare alcuni fattori comportamentali; ciò avviene, infatti le donne, che per natura possiedono una quantità minore di ormone mschile rispetto agli uomini, aumentano la loro propensione al rischio e pericolo solo quando questo livello ormonale aumenta, mentre, la differente propensione a scelte rischiose, come uso di alcool o gioco d’azzardo tra i due sessi si ridurrebbe solo quando, il livello del testosterone nelle donne si riduce, si abbassa quantitativamente.

Oggi si parla dunque di una donna che spesso viene etichettata come mascolina, nei suoi comportamenti sociali, nel mondo del lavoro, nel suo modo di interagire col sesso opposto e nella sua alta propensione al rischio, alle scelte difficili e pericolose,  mentre un tempo la figura al femminile, come nel mondo greco e romano dell’antichità, era prettamente dedita alla famiglia, alla cura dei figli e alle attenzioni verso il marito,  al ruolo muliebre dunque.

Il mondo antico non poteva capire la dignita’ muliebre perchè la sua valutazione dell’umana eccellenza era fondata su una concezione aristocratica, dove il potere mascolino era l’unico ad essere valorizzato e attribuibile di potesta’; teorie filosofiche, teologiche, fondavano tali reazioni di dominio e di vassallaggio, nelle quali alla donna sarebbe stata concessa la parita’ dei diritti umani come  agli uomini; cio’ avrebbe significato una ribellione all’ordine naturale e alle presunte sanzioni divine, ma i tempi si evolvono e insieme ad essi il pensiero collettivo.

Vista la ricerca avanzata dalla Sapienza e dal Maestripieri, sono stati coinvolti nell’esperienza cinquecento studenti frequentanti il Master Business Administration attraverso un campionamento durante cui, veniva loro somministrato un test alla saliva e alla lunghezza delle dita per testare il corrispondente livello di testosterone facendo soprattutto riferimento alla differenza tra uomo e donna.

Finalmente è possibile dare spiegazione così all’ormai avanzata e senza limiti presenza delle donne in tutti i contesti sociali, professionali e non: donne in finanza, donne nell’arma, donne business, donne coraggio che sfidano il mondo e la sorte in destini spesso avversi, donne che vivono e affrontano con determinazione e propensione il rischio; non è sempre ed esclusivamente un fattore caratteriale o sociale ma come abbiam avuto modo di testare, attraverso questa ricerca avanzata, giocano un ruolo molto importante fattori assolutamente biologici, anche ormonali; le donne così come si rapportano all’ormone dell’ossitocina che produce l’impatto all’affetto, all’emotività più dell’uomo, ha un rapporto assai differente anche con il testosterone: uomini e donne biologicamente sono assolutamente diversi per genere.

 

 Fonte: www.tiscali.it

Immagine tratta dal sito: www.immaginigoogle.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*