Raikkonen riporta la Ferrari in trionfo. Fisichella splendido secondo

Print Friendly, PDF & Email

2009action400Il Gran Premio del Belgio ci riconsegna una Ferrari vincente. Non accadeva dal mondiale del 2008 e la soddisfazione, per i sostenitori del Cavallino rampante, è immensa. E’ il “campione di ghiaccio“, il finlandese Kimi Raikkonen, a riportare la Rossa al successo. Ma il weekend motoristico ci ha regalato, ancora una volta, tante sorprese. Si attendeva il pilota trevigiano Luca Badoer alla riprova, dopo il pessimo debutto a Valencia. E purtroppo l’italiano ha deluso sonoramente. Adesso, per lui, non ci sono più appelli. Ultimo nelle prove di qualifica, 14° in gara, ma nei fatti ultimo fra le vetture a tagliare il traguardo: bocciato. Promosso, invece, a pieni voti, l’esperto pilota romano Giancarlo Fisichella, autore di una Gran Premio eccezionale. Ha ottenuto un’incredibile pole position e si è classificato splendidamente secondo in gara. Non ha centrato la vittoria solo a causa del kers, che ha avvantaggiato la Ferrari di Raikkonen al momento del sorpasso vincente, e della safety car, che ha compattato il gruppo e non gli ha permesso di prendere il largo quando si trovava in testa, considerato che ha dimostrato di essere il più veloce in pista, con la seppur modesta Force India. Questo G.P. del Belgio ha inoltre evidenziato la sempre maggiore imprevedibilità di questo mondiale di F.1. Il britannico Jenson Button non riesce a venir fuori dalla crisi. Coinvolto in un incidente al primo giro, è costretto a ritirarsi, rimanendo all’asciutto di punti. Lo stesso incidente ha messo fuori corsa anche Lewis Hamilton, che con la sua McLaren sperava in un’ulteriore rimonta nei confronti dei team di testa. Colui che ha tratto grande vantaggio da tutta questa situazione è il pilota tedesco Sebastian Vettel che, conquistando il podio con un ottimo terzo posto, rosicchia 6 punti preziosissimi al leader Button. Anche Rubinho Barrichello ha guadagnato qualcosina (2 punti) al compagno di scuderia.

Passiamo alla breve cronaca della gara. Perfetta la partenza di Giancarlo Fisichella che con la sua Force India mantiene il primo posto. Grande Kimi Raikkonen che, con la sua Ferrari, riesce a balzare addirittura al secondo posto. Ma le fasi iniziali sono molto confuse. Disastrosa, invece, la partenza di Barrichello, che rimane praticamente fermo e scivola in ultima posizione. La bagarre che ne consegue, genera diversi contatti. In uno di questi, lo sfortunato Jarno Trulli entra in collisione con Nick Heidfeld e danneggia la propria Toyota. Ma alla seconda curva del tracciato belga, è il francese Romain Grosjean, al suo secondo gran premio, che innesca un incidente che provoca il ritiro del leader della classifica iridata Jenson Button, del campione del mondo in carica Lewis Hamilton, e del giovane spagnolo Alguersari. Questo incidente influirà moltissimo sull’esito finale della gara. Fuori la McLaren Mercedes di un Hamilton in netta ripresa e la Brawn GP di un Button in netta crisi, viene offerta una grande opportunità di rilancio per la Ferrari. Che grazie alla saggia condotta di gara di Raikkonen, riuscirà a centrare la prima vittoria stagionale. Inoltre, non approfitteranno a dovere gli altri piloti rimasti in pista. Barrichello, con quella partenza disastrosa, non andrà aldilà del settimo posto. Jarno Trulli, coinvolto nel successivo incidente con Heidfled, rientrerà subito ai box, compromettendo la propria gara (ricodiamo che era partito in prima fila con il sorprendente 2° tempo). In un tracciato bello, che permette facilmente di arrivare al sorpasso, si vedranno diverse lotte che coinvolgeranno i 14 piloti rimasti in gara. Nessun sussulto durante i pit stop delle varie scuderie. Si arriverà fino a 15 giri dalla fine, quando lo scatenato Fisichella tenterà l’assalto finale alla Ferrari di Raikkonen. Ma le prestazioni della due vetture risulteranno abbastanza simili e il pilota romano ridurrà il suo gap dal ferrarista fino a portarsi a meno di un secondo di distacco dalla rossa di Maranello. Si chiude con la vittoria n.210 per la Ferrari. Ma Giancarlo Fisichella rimane il grande protagonista e vincitore morale del gran premio di oggi. Solo il kers e la safety car gli tolgono la soddisfazione del ritorno alla vittoria. Nel frattempo le quotazioni del suo clamoroso passaggio alla guida della Ferrari, al posto dello sfortunato e lento Luca Badoer, salgono vertiginosamente. Occorrerà prima verificare le condizioni di salute di Felipe Massa, per capire se sarà in grado o meno di rientrare in gara entro la fine di questo campionato mondiale. L’appuntamento con la F.1 è per il 13 Settembre, con il tradizionale Gran Premio d’Italia, sul circuito di Monza. Ne vedremo delle belle..

Ordine di arrivo

1) Raikkonen (Ferrari) in 1h 23’ 50”

2) Fisichella(Force India)a 0” 9

3) Vettel (Red Bull) a 3” 8

4) Kubica (BMW) a 9” 9

5) Heidfeld (BMW) a 11” 2

6) Kovalainen (McLaren) a 32” 7

7) Barrichello (Brawn GP) a 35” 4

8) Rosberg (Williams) a 36” 2

9) Webber (Red Bull) a 36” 9

10) Glock (Toyota) a 41” 4

14) Badoer (Ferrari) a 1’ 42” 1

Classifica Piloti

J.Button (GBR – Brawn GP) p. 72

R.Barrichello (BRA – Brawn GP) p. 56

S.Vettel (GER – Red Bull) p. 53

M.Webber (AUS – Red Bull) p. 51,5

K.Raikkonen (FIN – Ferrari) p. 34

N.Rosberg (GER – Williams) p. 30,5

L.Hamilton (GBR – McLaren) p. 27

J.Trulli (ITA – Toyota) p. 22,5

F.Massa (BRA – Ferrari) p. 22

H.Kovalainen (FIN – McLaren) p. 17

T.Glock (GER – Toyota) p. 16

F.Alonso (SPA – Renault) p. 16

N.Heidfeld (GER – Bmw) p. 10

G.Fisichella (Force India) p. 8

R.Kubica (POL – Bmw) p. 8

S.Buemi (SVI – Toro Rosso) p. 3

S.Bourdais (FRA – Toro Rosso) p. 2

Classifica Costruttori

Brawn GP p. 128

Red Bull p. 104,5

Ferrari p. 56

McLaren p. 44

Toyota p. 38,5

Williams p. 30,5

Bmw Sauber p. 18

Renault p. 16

Force India p. 8

Toro Rosso p. 5

La foto è tratta dal sito www.pitpass.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*