L’apertura di Ahmadinejad

Print Friendly, PDF & Email

incontro

Difficile valutare al momento il significato della “apertura”  che il presidente iraniano ha detto di voler fare verso l’Occidente.

Egli infatti da una parte ha dichiarato che l’Iran presenta una sua  proposta all’Occidente per un nuovo round di colloqui per il raggiungimento di un mondo “pieno di progresso e di giustizia”, ha invitato i politici  delle cosiddetta sei potenze – Stati Uniti, Gran Bretagna, Cina, Russia, Francia e Germania – a esaminare il complesso di proposte  dell’Iran per  affrontare  le sfide “principali che si pongono all’umanità”.

Ma sulla questione che veramente interessa l’Occidente  ha mostrato un netta chiusura: ha detto che le discussioni sul programma nucleare del suo paese sono “finite”e Teheran non tornerà mai indietro né negozierà ulteriormente.

“Dal nostro punto di vista la questione nucleare è finita, non potremo  mai negoziare sui diritti evidenti della nazione iraniana”.

L’ Iran ha inoltre aumentato  il numero di centrifughe installate da 1.000 a 8.300, incrementando la capacità di arricchimento potenziale, ed ha bloccato un’inchiesta dell’ AIEA  sull’ eventuale uso militare.

Anche  El Baradei, il negoziatore delle ONU,  ha confermato lo stallo nei negoziati.

Tuttavia Ahmadinejad ha pure riconfermato che ‘Iran, ha sempre sostenuto che la sua  tecnologia nucleare mira solo a produrre elettricità. che le armi nucleari non hanno un posto nella sua dottrina di difesa e ha chiesto agli Stati Uniti e altri paesi con tali armi di smantellare le  loro”.

Difficile quindi dire se effettivamente il netto rifiuto di negoziare sul nucleare è solo una questione di principio, di orgoglio nazionale al quale l’Iran non può rinunciare  ma che in realtà è pronto a negoziare   nei fatti.

In ogni caso  la situazione  è difficile per l’Occidente: le sanzioni economiche hanno modeste  possibilità di riuscire anche perche  non sono condivise da Cina e Russia  quindi sarebbero praticamente  inefficaci.

Per quanto possa sembrare strano l’Iran importa il 40 % del suo fabbisogno energetico dall’occidente; ma  Chavez ha annunciato che è pronto a venir anche lui in aiuto dell’Iran.

Resterebbero  allora all’Occidente solo la pericolosa opzione militare dalle imprevedibili conseguenze.

Va inoltre tenuto presente che l’Iran è interessata alla lotta contro il terrorismo  jihadista (di al Qaeda) perché anche essa ne è  minacciata: recentemente vi sono stati anche attentati  sul suo stesso territorio e in Iraq al Qaeda è il sanguinoso nemico dei suoi correligionari sciiti.

In questa prospettiva, su impulso della diplomazia cinese che ha sempre intrattenuti  stretti  con I’ Iran, Ahmadinejad aveva incontrato in gennaio  i presidenti dell’Afganistan e del Pakistan che sono ambedue i principali avversari e  vittime de terrorismo.

Le vicende delle contestazioni delle elezioni aveva messo in difficoltà questo processo che forse ora potrà riprendere. Non a caso la stampa cinese aveva del tutto ignorato le contestazioni elettorali.

Una situazione quindi molto complicata. Quindi . dagli sviluppi imprevedibili.

————

Foto  da Iran Daily. quotidiano  di Teheran: Chavez incontra Ahmadinejad e Khamenei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*