Dopo 40 anni esce l’opera omnia dei Beatles

Print Friendly, PDF & Email

beatles

A 40 anni dallo scioglimento è uscita oggi l’ opera omnia dei Beatles composta da 14 album (di cui due doppi) riversati su cd con tecniche sofisticate, un dvd e un gioco intitolato”Beatles rock band”. Il loro sodalizio durò dal 1963 al 1969, in questi brevi ma intensi anni incisero canzoni che li scriveranno nell’olimpo del rock. John Lennon, Paul Mc Cartney, George Harrison e Pete Best (a cui nel 1962 subentrò Ringo Starr) andarono dalla natia Liverpool ad Amburgo per pochi marchi a sera e subirono un rifiuto dalla casa discografica Decca. Pensiamo che oggi si mangino le mani dato che, fino ad ora, hanno venduto settecento milioni di dischi. Verranno ingaggiati dalla EMI, produttore e arrangiatore George Martin, manager Brian Epstein.” Please ,please Me” sarà il primo singolo di successo datato 1963. Seguiranno “From Me To You”, “She Loves You”, ”I Want hold your hand”. Nascerà il “Liverpool sound” e la moda dei capelli lunghi. Dopo il successo planetario in  America, infatti saranno visti da settantatré milioni di persone, ospiti in tv di “Ed Sullivan Show”. Nel 1965 suoneranno in Italia. Inventeranno il cine – rock partecipando a ”A Hard Day’s  Night” ed “Help” dove eseguono la celeberrima”Yesterday”. Con “Rubber Soul”,  datato1965 che include la famosissima “Michelle”  e “Revolver” inciso nel 1966 che contiene “Eleanor rigby” e ”Yellow submarine”, gli album diventano complessi e sofisticati parlano di amore universale ,viaggi lisergici, si sentono le influenze della musica indiana, introdotte da George Harrison dopo un viaggio in India. Lennon, invece, si diverte a riversare nastri a velocità accelerata e alla rovescia. Registreranno nel 1967 il “Magical Mystery Tour”colonna sonora dello special televisivo  inglese del gruppo, sono presenti brani dei primi  album. Da menzionare “Strawberry Fields Forever”, “Penny Lane”, “All You Need Is  Love”  e “Hello Goodbye” .“L’anno successivo viene dato alle stampe il famoso “White album” inciso per la loro casa discografica la “Apple records” che venderà diciannove milioni di copie. John Lennon si divide dalla moglie e impone a Paul Mc Cartney di includere come quinto membro l ‘artista d’ avanguardia Yoko Ono, malgrado tutto parteciperà al progetto. I brani “Lucy in the sky with diamond”, ”With a little help from my friends”, ”A day in the life”, ”Dear prudence “ ripresa da Siouxsie e the banshees e ”Helter skelter, riproposta dagli U2, ”Revolution”,  e“Good night”entreranno di diritto nell’ immaginario del rock mondiale. Nel 1969 lavorano ad un nuovo film intitolato “Get back”di questa pellicola viene salvata solo  la parte che li vede suonare sul tetto degli studi Abbey Road , talmente fa clamore che li imiteranno gli U2 nel 1987 , infatti gireranno il video di “Where the streets have no name” sui tetti bloccando il traffico ,ma questa è un’altra storia. Nell’ ottobre del 1969 esce il famoso album “Abbey  Road” che ritrae in copertina i “FAB FOUR”  mentre attraversano la strada. Da notare i piedi scalzi di Paul Mc Cartney, e la Wolfswagen  posteggiata vicino le strisce pedonali , la targa porterebbe incisa la morte di Paul Mc Cartney , la persona figurante sarebbe un sosia , inventata a genio. Le liti sono continue infatti ”Let it be ” verra’ pubblicato a scioglimento avvenuto , primavera 1970 . Anche quest’ album contiene pietre miliari intitolate “Come together”, “Something”; purtroppo sarà la fine di una band, ma la glorificazione di una delle storie piu belle e controverse nel mondo del rock. Torneranno a far parlare di sé  quando un  folle David Mark Chapman con la scusa di chiedere un autografo ucciderà l’ otto dicembre 1980 John Lennon  sparandogli cinque colpi di “ revolver”, mentre rincasa: fatale destino.   La stessa sorte maledetta toccherà a George Harrison nel dicembre 1999 che verrà accoltellato da un folle , lo colpirà 10 volte ,sarà salvato dalla moglie che spaccherà sulla testa dell’aggressore un portalampada. Era entrato di soppiatto nell’ abitazione molto isolata. Nella sua villa vicino a Oxford morirà prematuramente a soli 58 anni il 30 novembre 1991,ma queste sono solo storie tristi. Usciamo a comprare quest’opera omnia, tuffiamoci nelle onde sonore e gustiamoci le note che hanno colorato la nostra vita. Se non ci fossero stati i Beatles pensiamo la musica sarebbe stata piu’ povera. Dopo 40 anni li amiamo ancora, un motivo ci sarà. Buon ascolto a tutti.

L’immagine è tratta dal sito: cultura.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*