A Potenza due bambini travolti da un autobus

Print Friendly, PDF & Email

images[2]

Sarebbe stato il loro ultimo giorno di vacanza per poi ricominciare un nuovo anno di scuola come tutti gli altri bambini del paese di Atella ma purtroppo, una terribile tragedia ha fatto in modo che fosse il giorno più buio della loro vita.

Federico e Giuseppe erano due compagni di gioco, ed erano soliti andare in bicicletta e trascorrere molto tempo insieme; quel terribile giorno di Mercoledì 16 Settembre, i due bambini che erano in bici come di consuetudine, non si sono fermati ad uno stop stradale ed un bus in circolazione, li ha travolti.

Giuseppe Di Muro, nove anni, è morto  sul colpo, mentre il suo amico Federico di otto anni è attualmente ricoverato in coma, con mamma e papà che pregano per lui con fede e speranza.

Una vera tragedia che si è consumata  in un piccolo paese della regione Basilicata, Atella, che dista quaranta chilometri dal capoluogo lucano.
I due bambini scendevano a forte velocità da una discesa che incrocia la strada principale di Atella e  l’autista del bus, avendoli visti sbucare dall’incrocio improvvisamente, non ha fatto in tempo a frenare per evitare il brusco impatto tra il mezzo e i due corpicini.

Giuseppe e Federico sono stati travolti con la parte anteriore del mezzo urbano e per Giuseppe non c’è stato nulla da fare; il suo corpicino è rimasto inerme sull’asfalto.

La gente del paese è scesa subito in strada per tentare di aiutare i due  bambini mentre un paio di donne sono corse a casa dei genitori delle due vittime per avvisare dell’incidente.

Fino ad oggi, Federico, il secondo bimbo coinvolto nell’incidente, è ricoverato all’ospedale San Carlo di Potenza in condizioni  assolutamente disperate, mentre il povero Giuseppe è volato in cielo, come un angelo.

Condividendo il dolore delle famiglie di questi due bambini, rivolgiamo il nostro pensiero a Giuseppe che non è più tra noi e un forte abbraccio simbolico di luce e speranza affinché Federico possa risvegliarsi e tornare felice tra le persone che lo amano.

Fonte: www.repubblica.it

Immagine tratta dal sito: www.immaginigoogle.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*