Inizia l’era Hatoyama

Print Friendly, PDF & Email

hatoyama

Il Giappone ha visto l’alba di una nuova era politica mercoledì, con la vittoria elettorale del Partito Democratico del Giappone guidata di Yukio Hatoyama divenuto  primo ministro, dopo cinque decenni di ininterrotta governo dal partito conservatore “ Liberal Democratico.”

Il nuovo  primo ministro ha inaugurato il suo gabinetto e  darà il via a una coalizione tripartita con il Partito Social Democratico e il Kokumin Shinto (Nuovo partito del popolo).

Il punto cruciale della campagna elettorale  è stato l’eccesso di potere della burocrazia che prevale in pratica sui politici eletti democraticamente.

Secondo  Hidekazu Kawai,docente di  politica comparata presso Gakushuin University di Tokyo: “Il Gabinetto sarà ora in grado di dare la priorità alla politica, senza dover tener conto degli  interessi costituiti dai ministeri e dai suoi burocrati”.

Hatoyama ha dichiarato : “Oggi è l’inizio di un nuovo punto di svolta nella storia, una giorno per iniziare un drastico cambiamento nel quadro della politica e del governo. Dobbiamo collaborare attivamente per far sì che gli storici futuri dicano  che oggi è stata una giornata meravigliosa. Ma d’altra parte, ho anche sentito la gravità della responsabilità, la necessità di cambiare tutto  in modo che il Giappone  diventi uno Stato sovrano guidata dal popolo”.

Hatoyama ha messo in chiaro alcuni punti della sua azione: più consumi interni per rilanciare l’economia invece di puntare come al solito sull’export; politiche in cui i politici prendono la guida senza condizionamenti dei burocrati.

Anche se  mostra moltissime simpatie per Obama, tuttavia il Giappone intende stringere rapporti economici più stretti con la Cina.

Intanto, il premier, che è affascinato dal processo di unita dell’Europa, avrà venerdì uno scambio di vedute con il presidente Napolitano, in quello che è il suo primo incontro con un capo di Stato estero.

——————————————–

SATOKO KAWASAKI PHOTO : Yukio Hatoyama alla camera bassa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*