“Ammaliata” a Teatri del Sacro 2009 a Lucca

Print Friendly, PDF & Email

luigitabita3L’Associazione Culturale “Yupiter! 41” presenta “Ammaliata”, spettacolo vincitore del bando di produzione “ETI-I Teatri del Sacro 2009”; orchestra popolare per coro di sei voci (Luigi Tabita, Fabio Pappacena, Paolo Pollio, Roberta De Stefano, Lisa Severo, Andrea Panichi) e tre seggiole è composta e diretta da Giuseppe L. Bonifati con la collaborazione di Cecilia Di Giuli; le percussioni sono di Antonio Merola; le luci di Luca Migliaccio; le scene e i costumi di Giuseppe L. Bonifati e Cecilia Di Giuli; consulente linguistico letterario è il prof. Leonardo R. Alario.

La ricerca drammaturgica di “Ammaliata” è partita come una larga spirale di lingue con certe

assonanze della Calabria, della Campania e della Puglia che arrivano dal mare, dalla montagna a celebrare matrimoni di suoni, oscuri riti popolari. La scena si popola di voci, innanzitutto, che fioriscono nella forza interpretativa dei sei attori tra frasi e canti intonati dove la parola è il suono stesso, le luci corpo della parola. La messinscena non è spettacolo, non può esserlo soltanto, è anche la volontà espressiva e pittorica del sottoscritto, di un mondo, quello popolare, che dura ancora. Gli statuti arcaici della civiltà contadina non hanno subito grosse modifiche e le credenze vengono conservate come patrimonio memoriale non discutibile.

“Ammaliata” è l’appellativo col quale viene designata una persona che è stata colta dal fascino a motivo della sua avvenenza o, semplicemente, per invidia; esistono formule di scongiuro in grado di placare il fascino subito. Questi riti sono molto praticati in tutta la Calabria e fanno parte di un gruppo di credenze popolari ben più ampio, ancora in vita, strettamente legate ad una complessa simbologia mitico – religiosa presente tutt’oggi. Vi è comunque uno scarto da notarsi tra le vecchie e le nuove generazioni: un gap generazionale che ha prodotto una mancanza di valori, usi e costumi della cultura del popolo basso. Questo è dunque un motivo per riafferrare ricordi, immaginare parole per evocare ricordi, la nostalgia di sensazioni in una sinfonia di “vitalismi” meridionali dove salta fuori ciò che è e ciò che più non è. L’idea di spettacolo è sicuramente quella di un teatro di viscere, di parole urlate, cantate, fortemente vitale attraverso le sue radici idiomatiche e i suoni forti e collettivi. Un gioco meridionale che chiude con una dolce sonata, malinconia e ombre. Il testo vuole inseguire il senso del suono, nella maggior parte dei casi, nella maniera più forte per esaltarne la potenza. Musica e parola sono una cosa sola; nessuna battuta è veramente naturale: la parola salta, sbalza, parte a linea dritta, schermisce, è tesa all’invenzione di ritorni musicali; è’ il ricordo di persone che non sono più ma che hanno lasciato un immenso vocabolario di lingue dal quale poter sempre attingere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*