Il Petruzzelli pronto per l’inaugurazione il 4 ottobre

Print Friendly, PDF & Email

teatro petruzzelliDomenica 4 ottobre il teatro Petruzzelli di Bari si ripresenterà agli occhi del suo pubblico dopo diciotto anni dal rogo che lo distrusse. Il giorno scelto per l’inaugurazione ufficiale è quello dedicato ai festeggiamenti per il Patrono d’Italia, San Francesco d’Assisi. Le note che daranno il benvenuto al nuovo Petruzzelli saranno quelle della Nona Sinfonia di Beethoven, eseguita dall’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, diretta da Fabio Mastrangelo. Ad accompagnare l’orchestra con il famoso “Inno alla gioia”, ci sarà il coro della Fondazione Petruzzelli.

Il concerto verrà replicato lunedì 5 ottobre per le maestranze che hanno ricostruito il teatro e per i 1200 cittadini baresi, vincitori dei biglietti per l’inaugurazione. La Provincia di Bari metterà a disposizione gratuitamente l’Orchestra Sinfonica per le due serate.

Saranno presenti alla serata del 4 ottobre il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto. Assente per la seconda volta a Bari dopo l’inaugurazione della Fiera del Levante, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. La decisione riguardante la riapertura è stata presa in un incontro tra il presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli, promotore dell’iniziativa, e il sindaco di Bari, nonché presidente della Fondazione Petruzzelli, Michele Emiliano con la disponibilità della Regione Puglia.

Apertura travagliata e rimandata più volte. Prima si era deciso per il 6 dicembre del 2008, giorno dedicato a San Nicola, Patrono della città, ma il ministro dei Beni Culturali Bondi aveva posto il veto per motivi legati all’agibilità del teatro. Successivamente si era parlato del marzo 2009 ma non se ne fece più nulla. Poi la sospirata e attesa decisione: “Mi sono fatto portavoce – racconta il Presidente della Provincia di Bari, Schittulli – del valore di riaprire il teatro in tempi brevi. Le polemiche devono essere messe da parte affinché i cittadini di Bari, della Puglia e del Mezzogiorno possano tornare ad ascoltare la musica e ad applaudire gli artisti di fama internazionale”.

Foto da:  http://bari.repubblica.it/multimedia/home/3853610/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*