Sab. Feb 4th, 2023
Print Friendly, PDF & Email

large_67847_87108

I talebani del Pakistan hanno rivendicato la responsabilità di un attentato suicida in un ufficio delle Nazioni Unite nella capitale, che ha provocato la morte di cinque operatori umanitari morti, quattro pachistani e un iracheno: un  uomo vestito in uniforme militare era riuscito a violare le rigorose misure di sicurezza e si era fatto esplodere nella sede  Food  Program a Islamabad che pure era ben sorvegliata

Il portavoce dei talebani, Azam Tariq, per telefono da una località sconosciuta ha dichiarato che l’ONU copre le responsabilità americane dei massacri che avvengono  nello Swat e nel Waziristan.

L’attentato ha costretto  le Nazioni Unite a chiudere temporaneamente i suoi uffici nel paese per l’estrema vulnerabilità di molte agenzie internazionali di soccorso che sono in attività  per fornire un aiuto a milioni di vittime civili della lotta tra il governo e i gruppi militanti islamici.

L’episodio  va inquadrato nella generale offensiva che le forze Pakistane e quelle americane stanno lanciando nelle zone  di frontiera fra Pakistan e Afganistan a nord e a sud: si tratta di una rappresaglia e di un avvertimento al governo centrale.

Può meravigliare che siano attaccate proprie quelle  agenzie dell’ONU che si pongono al di sopra dei contendenti e che, comunque portano soccorso alle popolazioni stremate.

In realtà i talebani vedono nell’ONU un nemico esattamente come gli Stati Uniti in quanto lo considerano come una sua emanazione.

In effetti dobbiamo pure renderci conto che i principi dell’ONU a noi sembrano tanto evidenti e indiscutibili perchè sono una proiezione della modernità occidentale : la parità dei sessi, la liberta religiosa, i diritti umani sono creazioni della civiltà occidentale ma sono affatto, come spesso tendiamo a credere, verità universali e autoevidenti.

Nello stesso Occidente si sono affermate nel corso di due secoli di lotte guerre e rivoluzioni.

I talebani combattono proprio contro  i principi occidentali  che l’ONU pone a base della sua attività e quindi necessariamente vedono nell’ONUun nemico.

In tutti i paesi in cui gli estremisti  sono attivi hanno sempre preso a bersaglio l’ONU spesso riuscendo a farli allontanare.

L’idea che organismo de’ONU possa essere considerato dai talebani come arbitro del Jihad è del tutto priva di ogni fondamento.

L’ONU e gli americani saranno sempre accomunati nella stessa condanna perche ambedue sono espressioni della stessa civiltà: bisogna però ammettere che dal  proprio punto  di vista i talebani hanno perfettamente ragione.

————

Foto da al Arabya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *