Il Creteil Bebel accetta di giocare contro il Paris Foot Gay

Print Friendly, PDF & Email

I giocatori della squadra francese di calcio del Creteil Bebel accettano di giocare il match contro il Paris Foot Gay spiegando, in un comunicato per l’APF, attraverso il loro avvocato Benedicte Puybasset, che avevano inizialmente respinto l’invito “per paura di subire una strumentalizzazione”.

La squadra avrebbe dovuto disputare il match domenica 4 ottobre; alla vigilia, la PFT aveva ricevuto, come vi abbiamo già raccontato in un nostro precedente articolo, un comunicato del Creteil Bebel che dichiarava la propria indisponibilità a giocare contro il Paris Foot Gay perché ciò sarebbe andato contro i loro principi musulmani praticanti.

Pascal Brethes, presidente e co-fondatore dell’associazione Paris Foot Gay, aveva giudicato questo messaggio “molto scioccante”, l’aveva definita una decisione omofoba e aveva chiesto alla loro lega, la CFL, di sanzionare il club amatoriale del Creteil Bebel.

I giocatori del Bebel Creteil, in un loro comunicato, si difendono sostenendo che avevano rinunciato a questo incontro non per omofobia, com’era stato loro rimproverato, ma semplicemente perché il nome del club non sembrava che riflettesse la loro visione dello sport che è, per loro, esempio di tutte le rivendicazioni comunitarie, etiche o religiose o legate a un qualunque orientamento sessuale; aggiungono che avevano respinto l’invito del Paris Foot Gay per paura di subire una strumentalizzazione da parte di quel club che mette avanti l’omosessualità dei suoi giocatori e affermano di essere dispiaciuti di questa decisione.

Merci à www.actualite.aol.fr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*