Gp del Brasile: pole di Barrichello

Print Friendly, PDF & Email

  

rubens[1]Pioggia protagonista delle qualifiche del Gran Premio del Brasile sul circuito di Interlagos.

Le avverse condizioni meteo hanno difatti scombussolato non poco la formazione della griglia di partenza per il Gran Premio del Brasile.

Prima vittima eccellente è il tedesco Sebastian Vettel, rinomato mago della pioggia, che partirà dalla sedicesima posizione, non riuscendo a superare lo scoglio del Q3 e compromettendo quindi notevolmente le possibilità di ben figurare in gara e tenere aperta la lotta per il titolo mondiale.

Altro nome eccellente subito eliminato è quello del campione del mondo in carica, Lewis Hamilton, il quale dimostra di non avere particolare feeling con la pista brasiliana, sulla quale ha conquistato il titolo lo scorso anno dopo una gara al cardiopalma decisa soltanto all’ultima curva con l’ormai famoso sorpasso a Glock.

Fuori nel Q3 anche Giancarlo Fisichella, autore di un testacoda che lo ha messo fuorigioco e lo costringerà a partire dall’ultima posizione.

Il romano lamenta ancora una scarsa conoscenza della vettura, ma da un pilota considerato esperto della guida sul bagnato, e vincitore del suo primo Gran Premio proprio su questo circuito e sotto la pioggia, ci si aspettava decisamente di più.

Difficilmente il sostituto di Luca Badoer potrà aiutare la Scuderia nella conquista del terzo posto nel mondiale costruttori.

Nella Q2 è da segnalare subito un violento incidente di Vitantonio Liuzzi su Force India, fortunatamente senza conseguenze, che ha determinato un lunghissimo stop.

Soltanto alle 21.10 ore italiana si è ripresi a girare per completare la seconda manche eliminatoria, e anche qui non sono mancati i colpi di scena.

Vittima illustre in questa seconda parte delle qualifiche è stato il leader del mondiale, Jenson Button, che sarà costretto a partire dalla casella numero quattordici.

L’inglese, che qualora dovesse laurearsi campione del mondo difficilmente verrà ricordato nel tempo, non si è trovato a proprio agio sulla pista bagnata lamentando un fastidioso sottosterzo, anche se in realtà si sospetta che il disastroso piazzamento sia dovuto ad una crescente pressione psicologica in vista dell’obiettivo mondiale.

Nel Q3, con la pista soltanto umida e con tutti i piloti con gomme intermedie, pole conquistata dal diretto rivale di Button nella rincorsa al titolo mondiale, Rubens Barrichello.

Il brasiliano, grazie ad una guida eccellente, riesce a conquistare la prima posizione sulla griglia di partenza, dopo una accesa lotta con Mark Webber, decisa soltanto all’ultimo giro disponibile.

Barrichello, osannato dalla torcida brasiliana, dovrà stare molto attento a non sprecare la grandissima occasione che gli si prospetta sulla pista di casa, pensando a recuperare quanti più punti possibili sul proprio compagno di box, per riuscire nel colpaccio di vincere il titolo mondiale all’ultima gara che si disputerà sull’inedito tracciato di Abu Dabi.

Quinto posto per Kimi Raikkonen, che con una Ferrari ormai priva di alcuno sviluppo aerodinamico da metà stagione, dovrà portare a casa quanti più punti possibili per evitare il sorpasso McLaren in classifica costruttori, ormai ultimo obiettivo di questa deludente stagione ferrarista.

Notevole prestazione per Adrian Sutil, terzo, che si dimostra un eccellente interprete della guida sul bagnato, nonostante una Force India non all’altezza dei top team in questo gran premio.

Ottimo quarto posto per Jarno Trulli, che mette in mostra il suo talento cristallino e spera con questa prestazione di convincere la Toyota a rinnovargli il contratto in scadenza.

Opaca invece la prestazione del prossimo ferrarista Fernando Alonso, il quale, dopo un venerdì di prove libere dominato, è apparso in difficoltà nel gestire la sua vettura nella fase finale delle qualifiche.

Sarà quindi interessante vedere come si comporterà Rubens Barrichello in gara, partendo ben tredici posizioni avanti al suo compagno di squadra, ed assistere alla gara della vita che necessariamente dovrà affrontare Vettel su una pista che le previsioni meteo prevedono ancora bagnata, per poter tenere ancora acceso un barlume di speranza in vista dell’ultimo Gran Premio.

 

 

 

L’immagine è tratta dal sito www.2.bp.blogspot.com 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*