Storica visita di Putin in Cina

Print Friendly, PDF & Email

Putin e Wen

La visita del premier russo Putin in Cina ha avuto un rilievo eccezionale sulla  stampa cinese: in realtà si tratta di un avvenimento che possiamo definire storico. Con esso non solo si siglano importantissimi  accordi commerciali, ma si apre  la strada a una collaborazione generale fra i due grandi stati che equilibra anche politicamente, oltre che economicamente, i rapporti con l’America  e l’Occidente: il  futuro delle relazioni Russia-Cina pare avere un brillante futuro.

Dopo le difficoltà dei rapporti nell’età di Mao e del dopo Mao, già nel 1996 si era giunti a un generale accordo anche per gli incerti confini che passano attraverso spazi desolati e disabitati ma che possono essere di grande importanza economica per risorse minerali.
Come ha sottolineato Wen, durante i colloqui con Putin, la Cina è pronta a lavorare con la Russia per  procedere  in una collaborazione strategica in  una nuova fase anche  tenendo anche conto che le due economie sono reciprocamente complementari.

Durante la visita, Putin è stata accompagnata da un gruppo di uomini d’affari russi, che hanno  firmato con i loro omologhi cinesi contratti per un  valore di 4 miliardi di dollari.

In particolare, i due paesi stanno portando avanti progetti di grande scala su  petrolio e gas con il progetto di gasdotto Cina – Russia  per ambedue di grande importanza perché la  Russia  diversificherebbe  i propri clienti   e la Cina si  assicurerebbe una fornitura  vitale di energia per la sua economia.

I due stati stanno concordando  uno schema di cooperazione regionale tra nord-est della Cina e l’estremo oriente russo e della zona orientale della Siberia, e tra le regioni di confine ricche di risorse minerali.

Hanno siglato  una vasta gamma di documenti di cooperazione, con  accordi e per il gas naturale, petrolio, una ferrovia Express, l’industria spaziale e l’energia nucleare.
Gli accordi generali  hanno  notevolmente incrementato gli scambi commerciali bilaterali e la cooperazione economica, con i volumi di scambi passati a 56,8 miliardi di dollari lo scorso anno dai pochi  miliardi di dollari nei primi anni 1990.

Sono stati compiuti progressi in materia di cooperazione e di investimento più progetti comuni, come la trasformazione di legname, lo sfruttamento delle risorse e costruzione di infrastrutture s sul territorio russo.
Inoltre hanno firmato un accordo sulla formazione di centri di cultura reciproci deciso ulteriori scambi tra studenti, così come il rafforzamento della cooperazione in materia di turismo, la salute e la cura, lo sport, i media e l’industria cinematografica.

Si è convenuto inoltre sull’ incontro regolare tra i primi ministri dei due paesi per  gestire congiuntamente la recessione economica e garantire la generale tendenza al costante ampliamento e l’approfondimento dei legami commerciali e economici.
Si è anche ribadito, anche per non  allarmare  l’Occidente, che  lo sviluppo delle relazioni Cina- Russia non porta solo  benefici tangibili per entrambi i popoli, ma anche  un fattore significativo nel facilitare la pace e la stabilità mondiale.

Resta però il fatto che l’asse Russia Cina  diventa sempre più un elemento fondamentale per controbilanciare la potenza americana  in Asia come il casi  del nucleare iraniano sta mettendo in chiara luce.

——————–

Wen Jiabao eVladimir Putin (foto da Remnin Ribao)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*