Mar. Lug 5th, 2022
Print Friendly, PDF & Email

Beluci uci2

Cosi  è stata denominata la provincia orientale dell’Iran dove vi sono stati i sanguinosi attentati dei Jundallah (i soldati di Dio) contro i pasdaran iraniani.

Per illustrare il quadro generale della situazione riportiamo un articolo  di uno studioso:  Amir Taheri, pubblicato da al Arabya l’8 maggio dell’anno scorso. 

“Già alle prese con rivolte etniche di curdi e turcomanni in tre province, l’Iran sembra essere di fronte ad una ribellione ancora maggiore da parte delle tribù Beluci nella provincia sud-orientale del Sistan e Belucistan.
I Beluci  sono in uno stato di ribellione a “bassa intensità” fin dalla instaurazione delle repubblica islamica nel 1979.

Tuttavia, la rivolta ha assunto maggiore intensità negli ultimi due anni, provocando sanguinosi scontri armati tra combattenti tribali e forze di sicurezza iraniane.
Gli scontri più gravi si sono avuti  il 25 aprile 2008 quando una unità del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche ha fatto irruzione in un nascondiglio dei ribelli nel remoto villaggio di Javanabad.

L’obiettivo immediato era quello di liberare un ayatollah rapito da uomini armati non identificati, una settimana prima a Fahraj, nella vicina provincia di Kerman.Il rapito era l’ Ayatollah Sayyed Javad Tahiri, il rappresentante speciale della Guida Suprema nella regione, un’area delle dimensioni della Francia. Secondo i media iraniani decine di ribelli e delle guardie furono uccisi in scontri e centinaia furono i feriti.I portavoce dei ribelli Beluci sostennero che l’ayatollah era stato rapito per rappresaglia per l’esecuzione di due leader religiosi Beluci mentre i media ufficiali affermarono che l’ayatollah era stato preso da un gruppo di trafficanti di droga con basi nei vicini Afghanistan e Pakistan.Fonti Baluci, tuttavia, insistono sul fatto che il motivo era politico. Due gruppi sono coinvolti i  Jundallah (Esercito di Dio), un gruppo armato che ha combattuto contro  le guardie rivoluzionarie  dal 2006, e la Società dei Combattenti di Sistan e Baluchistan (SCSB), un gruppo di più ampio respiro politico contrari al regime khomeinista a Teheran.Il numero di Baluch è di circa 1,8 milioni di individui in Iran, ma sono sparsi in una vasta area del Golfo di Oman all’Asia centrale.  Essi fanno parte di una comunità Beluci più grande che è presente anche in Pakistan, Afghanistan e negli stati del Golfo: in tutto  quasi 20 milioni.Teheran accusa Jundallah e SCSB di avere un programma secessionista e di lavorare  con i leader Beluci tribali in Pakistan, che promuovono il sogno di un grande stato  che comprende aree del Belucistan in Iran, Pakistan e Afghanistan. Le autorità sostengono che i ribelli Beluci in Iran sono manipolati dai servizi segreti di Islamabad in rappresaglia per il sostegno dell’Iran ai ribelli che operano nella zona Mirpur del Belucistan pakistano.
Jundallah e SCSB, però, respingono le accuse e insistono sul fatto che entrambe le organizzazioni si sono impegnati per l’integrità territoriale dell’Iran.

 

Una cosa è certa: l’attività dei ribelli è riuscita a rendere insicura una  vasta zona sud-est dell’Iran a rischio per i viaggi. Tutte le visite di stranieri sono stati annullate e i movimenti di funzionari del governo avvengono  sotto forte scorta armata.  La Guida Suprema Ali Khamenei e il presidente Mahmoud Ahmadinejad hanno  dovuto annullare le visite previste per la provincia.Secondo i Beluci  le autorità centrali non permettono la costruzione di moschee sunnite in molte parti della provincia. i seminari di formazione di religiosi sunniti sono stati chiusi in molte città, mentre è stata imbastita  una campagna ben finanziata per  convertire più persone possibile allo sciismo: portavoci Beluci sostengono che Teheran stia utilizzando danaro e altri “incentivi mondani” per convincere i Beluci  a cambiare la loro fede religiosa.
A studenti Beluci che si sono formati all’estero, soprattutto presso  l’università islamica di Al Azhar al Cairo, non viene permesso di tornare  a casa.Ai  Beluci vengono assegnati pochissimi posti del contingente iraniano per il  Haj ( il pellegrinaggio alla Mecca). La religione, tuttavia, non è l’unica fonte di malcontento in Belucistan.Secondo fonti ribelli, i Beluci sono esclusi dai posti migliori del governo: non c’è un solo  Beluci in qualsiasi posizione alta nel governo centrale o nella locale amministrazione. L’aspettativa di vita nella provincia di Sistan-Baluchistan è di 10 anni inferiore alla media dell’l’Iran.L’analfabetismo è stimato a oltre l’80 per cento, rispetto al 37 per cento a livello nazionale. Il reddito annuo pro capite nella provincia è meno di un quarto della media nazionale. Allo stesso tempo, portavoci Beluci sostengono che Teheran ha cercato di alterare il carattere etnico della loro terra, spingendo un gran numero di non-Baluci a stabilirsi nelle città principali della provincia.Nel 1990 molti profughi iracheni sciiti sono stati spediti nella  provincia, insieme con gli sciiti in fuga dalla guerra nel vicino Afghanistan.
Ripetute promesse di investire in nuovi progetti per rilanciare l’economia povera  della provincia non sono stati concretizzati e i progetti idroelettrici sui fiumi sono stati abbandonati, vanificando ogni speranza di sviluppo agricola nella regione.
La zona costiera della provincia, conosciuta come Makran, è stata trasformata in una zona soggetta a restrizioni, perchè le Guardie rivoluzionarie  hanno  costruito una serie di basi sul Golfo di Oman, come parte di un sistema per controllare la navigazione dentro e fuori del strategica Stretto di Hormuz.

La situazione è diventata più complicata dalla presenza di ben organizzate reti di contrabbando con bande armate che hanno costituito le basi e rifugi sicuri in alcuni dei villaggi più remoti della regione. La natura selvaggia del terreno, un altopiano arido costellato di vulcani rende difficile un controllo effettivo da parte delle autorità centrali.

Da almeno un decennio la regione è stata soprannominata “Il selvaggio est””, una terra senza legge dove la pistola è l’autorità suprema dove imperversa il contrabbando di droga e di ogni altra merce.

Dopo l’amministrazione governativa  il contrabbando è la  seconda fonte di occupazione nella  provincia: i trafficanti  hanno  tutto l’interesse a perpetuare tensione e incertezza, impedendo così al governo centrale di imporre la sua autorità.

Errori politici degli  ayatollah  e la loro cecità a livello locale la  insensibilità religiosa e culturale hanno fatto il gioco della rete di contrabbando. 

————————

Foto da Peace reporter: Beluci

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.