Facebook crea un cimitero virtuale

Print Friendly, PDF & Email

Mancano soltanto pochi giorni al 2 novebre, giorno di commemorazione dei defunti e per questa occasione Facebook decide di creare un cimitero online.
Un cimitero raggiungibile con un click, dove risiederà virtualmente chi ci abbandonato nella vita reale e aveva con noi un legame anche tramite il famoso social network.

Questa novità apparentemente un po’ macabra, se presa sotto altri punti di vista, è stata propugnata da Max Kelly, responsabile della sicurezza del sito, che dopo la morte del suo migliore amico, coinvolto anche esso nella relizzazione dello stesso, ha deciso di mantenerne il profilo su Facebook.

La pagina personale dei soggetti passati a miglior vita non sarà più rintracciabile sul motore di ricerca interno a Facebook e nè tra i suggerimenti di amicizia, ma sarà visibile soltanto agli utenti iscritti al servizio che avevano legami di amicizia con i defunti, quand’erano in vita e tramite il social network. Inoltre sarà graficamente diversa e la sua preservazione potrà essere richiesta dalla famiglia, soltanto attraverso l’esibizione dei documenti relativi al decesso.
Tramite questa nuova pagina l’utente deceduto potrà essere ricordato con amore e rispetto, attraverso video, foto, frasi che lo descrivono e lo raccontano, senza denigrarlo e senza offenderne famiglia.

Max Kelly ha dichiarato a questo proposito che “quando qualcuno ci lascia, non vanno via i suoi ricordi e le sue amicizie. Per riflettere questa realtà, abbiamo avuto l’idea di profili in memoria come un posto dove la gente possa condividere i propri ricordi delle persone scomparse.”
Facebook, che in questi ultimi anni ha creato una vera e propria comunità virtuale, dove tutti gli utenti iscritti possono entrare in relazione tra di loro, aderire a gruppi e cause, superando totalmente le barriere spaziali, in questo modo, con la creazione di questo cimitero, tenta di oltrepassare anche la morte.

1 commento

  1. Posta così la notizia sembra un po ridicola.
    In effetti con un bacino di utenza così ampio si pone il problema dei decessi .. potrebbe magari evitare situazioni un po strane tipo poke ad amici di amici morti .. ma tutto sommato non mi sembra una soluzione poi così necessaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*