Karzai dichiarato vincitore delle elezioni

Print Friendly, PDF & Email

abdullah karzai _5

Hamid Karzai, il presidente in carica, è stato dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali in Afghanistan, in quanto sarebbe stato l’unico candidato, dopo che  il suo rivale, Abdullah Abdullah, si era ritirato il giorno prima.
Zekria Barakzai, direttore della commissione elettorale  ha dichiarato che la decisione è stata presa in base alla disposizione della Costituzione che richiede due candidati per il secondo turno anche se altri ritengono che il ballottaggio avrebbe dovuto tenersi ugualmente.

La decisione  è stata annunciata dopo una riunione di Ban Ki-moon, il segretario generale dell’Onu, con Karzai e Abdullah.

Le elezioni del 20 agosto erano state  ampiamente irregolari e il risultato che dava a Karzai oltre il 50% dei voti e quindi la elezione al primo scrutinio erano stato poi ridimensionato dalla Commissione elettorale  per cui si imponeva il  ballottaggio.
L’altro candidato Abdullah Abdullah, però, non avendo ottenuto tutte  le garanzie richieste, aveva annunciato il suo ritiro malgrado le sollecitazioni di Karzai.

Si pone una questione  di legittimità  sostanziale della elezione di Karzai a prescindere da ogni formalismo giuridico: le elezioni appaiono  viziate da brogli e da irregolarità  e la credibilità del processo democratico appare molto scarsa. Tuttavia va notato che le elezioni in Afganistan sono estremamente difficili per la offensiva scatenata dai talebani  contro di esse ed un altro turno elettorale avrebbe  incontrate difficoltà anche maggiori. Soprattutto va notato che in realtà lo scontro  fra Karzai  e Abdullah non è di linea politica che è praticamente la stessa  ma di conflitti etnici. Abdullah rappresenta infatti i Tagiki del nord, una etnia di origine iraniana, mentre Karzai è un Pashtun, che è la etnia maggioritaria. In pratica il presidente dell’Afganistan non può che essere un Pashtun anche per una lunga e ininterrotta tradizione.

Il buon risultato conseguito da Abdullah deriva essenzialmente dal fatto che nelle  zone a lui favorevoli i talebani che sono sempre dei pashtun non hanno forze e quindi  i tagiki hanno votato  tutti massicciamente per lui mentre invece nelle zone pashtun solo un parte degli aventi diritto al voto ha effettivamente votato, sia per propria  decisione, sia per paura delle vendette dei talebani.

E’ estremamente difficile in uno stato in cui le etnie sono divise e votano ciascuna per il proprio candidato che un processo veramente democratico, basato sulle elezioni, possa effettivamente svilupparsi.

——————-

Foto da al jazeera: i due candidati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*