Gli inediti di Luigi Tenco

Print Friendly, PDF & Email

luigi_tenco_inediti

Il debito che la musica italiana ha nei confronti di Luigi Tenco è smisurato.
E’ grazie a lui se è diventata adulta. Se i suoi testi si sono fatti più maturi, guardando l’essenza della realtà e non la sua idealizzazione. Se il sentimentalismo disincantato della canzonetta ha ceduto il passo alla disillusione intimista della canzone d’autore. Una vita breve quella di Tenco, ma sufficiente a tracciare un solco profondo a separare il nuovo modo di fare canzone dal vecchio, e a fare di lui un autentico rivoluzionario della composizione, cui tutti coloro che oggi fanno canzone devono qualcosa.
E’ stato amato ma, spesso, incompreso e non di rado rifiutato. Ma forse questo è il destino di quegli artisti che hanno l’ardire di travalicare le frontiere dei tempi in cui vivono. Il trascorrere degli anni, come sempre accade, ha dato lui ragione, elevandolo tra i padri nobili della musica d’autore italiana.
Eppure, nonostante tale contributo, la sua memoria meriterebbe di più. Il suo nome e la sua musica dovrebbero ricorrere più spesso di quanto non accada. Soprattutto tra le generazioni più giovani che, con ogni probabilità, ne sconoscono la bellezza.
E’ vero. Esiste un premio a lui intitolato. Varie manifestazioni canore che lo ricordano. Non di rado le sue canzoni sono reinterpretate: un elenco infinito e trasversale che, solo per limitarsi ai tempi più recenti, spazia da Claudio Baglioni a Morgan, dai La Crus a Ivano Fossati, sino a giungere a Mango.
Ma sono ancora insufficienti a restituire a Tenco quanto gli è dovuto. Soprattutto se si tiene conto che, sempre più spesso, il nome di Tenco è associato alla tormentata storia d’amore con Dalida, nonché al gesto estremo che ne concluse la vita ed ai supposti misteri che l’avvolgerebbero, piuttosto che all’arte indiscussa. Amaro destino per un poeta dell’anima.

In questo clima giunge dunque piacevolmente inattesa la notizia della prossima pubblicazione, il 13 novembre, di un doppio cd, edito all’interno della collana “I dischi del club Tenco” e realizzato da “Ala bianca”: “Luigi Tenco, inediti”.

Il piatto forte dell’album è costituito dalle 39 registrazioni inedite del primo cd. Un ricco bottino frutto di un’autentica caccia al tesoro tra cimeli di famiglia e gli archivi della Bmg che ha visto protagonista Toni Verona, presidente di Ala bianca.
Spiccano Padroni della terra”, prima versione italiana de “Il disertore” di Boris Vian. Versioni straniere che avrebbero dovuto essere il lancio del cantautore piemontese all’estero (“Un giorno dopo l’altro” in versione francese e inglese, “Ognuno è libero” in spagnolo). Performances televisive dal vivo per la Rai (“Non sono io” e “Vedrai vedrai”).  “Guarda se io” su una musica del tutto diversa da quella che poi avrebbe visto la luce. Così come “Il tempo passò” e “Come mi vedono gli altri” arricchite, anche in questo caso, da orchestrazioni differenti da quelle ufficiali. Reperti che confermano le ipotesi secondo le quali l’estro musicale di Tenco fosse stato spesso tenuto ingiustamente a freno da opinabili scelte delle case discografiche.
Tra i brani del primo cd, si segnalano anche tre composizioni inedite mai cantate da Tenco e affidate al sax Stefano Bollani (“No no no”) e alle voci di Massimo Ranieri (“Se tieni una stella”) e Morgan (“Darling remember” versione inglese di “Vola colomba”). Completano il tutto due curiose bonus track (“I know, don’t know how” e “The Continental”): due standard jazz eseguiti nel 1957 dal Settetto Moderno Genovese, il cui sax contralto era un Tenco ancora diciannovenne.

Il secondo cd raccoglie 17 interpretazioni che – nelle varie edizioni della “Rassegna della canzone d‘autore” organizzate dal club Tenco – sono state eseguite dal vivo da diversi artisti italiani, tra cui Alice, Roberto Vecchioni, Ricky Gianco e Simone Cristicchi . A “Lontano lontano” spetta il compito di aprire e chiudere il cd nelle versioni, antitetiche ma coerenti, di Vinicio Capossela ed Eugenio Finardi.

L’album verrà presentato a Sanremo il 12 novembre, in occasione della 34ma edizione del Premio Tenco, insieme a “GenovaJazz‘50”, ulteriore progetto sonoro avente per protagonista Tenco, ai tempi della sua frequentazione degli ambienti jazz.

L’opera è il preludio alla pubblicazione dell’opera omnia di Tenco che, secondo le intenzioni dei curatori, dovrebbe vedere la luce entro il prossimo anno.

Ci auguriamo che tali iniziative beneficino del dovuto risalto mediatico. Sarebbe l’occasione giusta per portare le canzoni di questo “acchiappanuvole” nuovamente sotto la luce dei riflettori, raggiungendo anche quelle fasce di pubblico che ancora non lo conoscono.

1 commento

  1. Questo doppio cd è sicuramente una “chicca” che non passerà inosservata. Speriamo che l’Italia intera si accorga che forse è arrivato il momento “artisticamente” ed “umanamente” parlando di porgere le proprie scuse a Luigi Tenco. Scusa per aver bevuto ingenuamente la favola del suicida che si toglie la vita perchè non passa in finale, scusa per aver contribuito con la loro “duplice indifferenza” al successo moderato di uno dei piu’ grandi cantautori in assoluto.

    LE 5 PROVE DELL’OMICIDIO DI LUIGI TENCO:
    http://luigitenco60s.forumfree.it/?t=26753305

    Luigi Tenco 60’s – La verde isola
    http://www.luigitenco60s.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*