Roma: protesta in Campidoglio, sindaco Alemanno promette incontro

Print Friendly, PDF & Email

manifestazione diritto alla casaRoma 18 Novembre. L’appuntamento è sul Lungotevere de’ Cenci, davanti all’Assessorato alla Casa. Sono centinaia e centinaia i cittadini che oggi nel primo pomeriggio hanno dato vita a una protesta sentita e decisa in merito al Piano Casa previsto per la Capitale. L’emergenza abitativa a Roma ha raggiunto livelli parossistici, e il nuovo Piano Casa, che dovrebbe risolvere o per lo meno tamponare la drammatica situazione, prevede soltanto 3.000 alloggi da destinare ai cittadini che nella graduatoria hanno raggiunto i 10 punti, vale a dire che sono già senza una abitazione, e hanno avuto uno sfratto esecutivo. Ben poca cosa, confrontando il dato con le 42.000 domande presentate nell’ufficio delle Politiche Abitative della Capitale.

Senza contare che molti cittadini, pur avendo diritto ad un alloggio popolare, non inoltrano neanche la domanda, scoraggiati dalla consapevolezza della quasi totale inutilità della cosa.  I manifestanti si sono mossi poi in corteo attraverso le strade della città, armati di striscioni e della propria rabbia, per giungere sino al Campidoglio chiedendo a gran voce un incontro con il sindaco Alemanno. Non sono mancati momenti di tensione con le Forze di Polizia in assetto antisommossa schierate all’ingresso del Campidoglio.

I cittadini e i tutti i Movimenti per il Diritto alla Casa presenti hanno voluto simbolicamente donare una tenda al Sindaco, che non era presente impegnato nel summit alla Fao. Paolo Di Vetta, dei Blocchi Precari Metropolitani, dice che la tenda è la rappresentazione fisica della mancanza di politiche abitative nella Capitale, l’unico posto dove gli sfrattati e i senza casa possono trovare riparo. I cittadini hanno anche bruciato sulla piazza dei fac-simile delle domande per le case popolari. I manifestanti hanno chiesto risposte precise, e che venisse fissata una data di incontro a mezzo agenzia stampa. Alle 18,45 è giunta la risposta tramite comunicato stampa: il sindaco si è detto disposto ad incontrare una delegazione alle 9,30 di Mercoledì. Solo allora i manifestanti si sono ritirati, e la tenda è stata depositata davanti all’ingresso del Capidoglio, simbolico “dono” del popolo dei senza-casa.

(La foto è dell’autrice dell’articolo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*