Jessica accusata del rapimento della sorellastra Denise

Print Friendly, PDF & Email

20091122_denise[1]

Questa volta, sarebbe stato il padre della piccola Denise Pipitone ad esporsi, differentemente dalle innumerevoli interviste e appelli di cui, è stata sempre protagonista la madre della piccola; l’uomo  è Piero Pulizzi che durante un’intervista rilasciata a “Gente” afferma di essersi costituito parte civile contro l’altra figlia di nome Jessica, accusata da lui medesimo,  del rapimento della sorellastra Denise.

Denise Pipitone, scomparsa nel lontano 1 Maggio del 2004 a Mazara del Vallo (Trapani) non è stata mai dimenticata, è sempre stata presente, nel cuore della collettività oltreché di cari e amici.

Sono parole piene di speranza e di dolore quelle del padre della bambina; il gesto compiuto verso la ragazza,  gli è costato moltissimo essendo Jessica, la sua seconda figlia; la sua speranza più grande risiede  nella possibilità di riabbracciare la piccola Denise, ormai lontana da casa da 5 lunghi anni; anni pieni di sofferenza e angoscia per tutti; Piero Pulizzi, secondo quanto rilasciato nell’intervista, avrebbe modo di credere che Denise, sia ancora viva e che malgrado la mancanza da casa, lunga e sofferente, possa davvero, esserci dopo quest’ultimo aggiornamento, concreta possibilità di riabbracciarla.

Presto si svolgerà l’udienza preliminare a carico della sorellastra di Denise; il padre, Piero Pulizzi, spera di rivedere al più presto Denise, ma al contempo teme il peggio per la seconda figlia, nel caso in cui fosse davvero la colpevole dei fatti che riguardano il rapimento di Denise Pipitone.

Fonte: www.leggo.it

Immagine tratta dal sito: www.leggo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*