Obama e il perdono del tacchino

Print Friendly, PDF & Email

f8604b49fa7228d1f6e264af0b0ec079Oggi, quarto giovedì di novembre, cade il Giorno del Ringraziamento, una festa molto sentita dagli americani, in cui le famiglie si riunisco intorno alla tavola per ringraziare di ciò che hanno e gustare il famoso tacchino, cibo tradizionale di questa festività.

Secondo la tradizione americana alla vigilia di ogni “Thanksgiving Day, il presidente degli Stati Uniti deve perdonare un tacchino.

Si tratta di un’altra tradizione legata ai tempi del presidente Harry Truman, che è stata onorata quest’anno da Barack Obama.

Obama, ieri, sul portico Nord della Casa Bianca, accompagnato dalle figlie Sasha e Malia, ha ‘perdonato’ un tacchino di nome ‘Coraggio’ “per il suo terribile e squisito destino”.

“Io ti perdono – ha detto Obama -, ma sia chiaro che devi ringraziare Sasha e Malia, perché io ero intenzionato a mangiarti”.

Dopo aver scherzato sulla cerimonia, Obama ha anche riservato un saluto speciale alle truppe americane. “In occasione del giorno del Ringraziamento tanto nella mia quante nelle famiglie di altri milioni di americani un pensiero particolare sarà ai nostri uomini e alle nostre donne in uniforme”.

In occasione della cerimonia la Casa Bianca ha preparato un video molto divertente, pubblicato nella sezione ‘blog’ del sito ufficiale, in cui è mostrata una parodia della vita della Casa Bianca vista con gli occhi di un tacchino.

Il pennuto entra nei corridoi e nelle sale del governo americano alla vigilia del Thanksgiving e si chiede cosa stia facendo lì. Finché una voce fuori campo non gli dice: “vai, da oggi sei un uccello libero”.

Immagine tratta dal blog  http://americathebeautiful.splinder.com/archive/2007-07

Sito della Casa Bianca: http://www.whitehouse.gov/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*