Pisa. I funerali degli aviatori del C 130

Print Friendly, PDF & Email

funerale aviatoriSi sono svolti alle 10 di questa mattina, nel Duomo di Pisa, i funerali dei 5 aviatori della 46esima Brigata aerea dell’Aeronautica, morti nell’incidente aereo di lunedì scorso. Centinaia di persone hanno atteso in silenzio i feretri in piazza dei Miracoli, dove i commercianti hanno chiuso negozi e bancarelle per un’ora aderendo al lutto cittadino proclamato dal Comune.
La funzione è stata celebrata dal vescovo di Pisa, Giovanni Paolo Benotto, insieme all’ordinario militare, generale Vincenzo Pelvi. Alla cerimonia hanno partecipato, oltre ai familiari e colleghi delle vittime, il ministro della Difesa Ignazio La Russa, accompagnato dal capo di Stato maggiore dell’Aeronautica, generale Tei, il comandante dell’Arma dei Carabinieri, generale Gallitelli, tutti i rappresentanti delle Forze armate, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi e le autorità provinciali e regionali.
Concluso il rito funebre, i 5 feretri, avvolti nel tricolore, sono stati riportati alla base militare dove, nel sacrario di Kindu che ricorda i caduti della 46esima Brigata, era stata allestita la camera ardente. Il maresciallo Ton è stato seppellito nel cimitero di Pisa mentre gli altri militari saranno trasportati nelle loro città di provenienza.
Le indagini della Procura di Pisa, affidate al sostituto procuratore Aldo Mantovani, cercheranno di fare chiarezza sulle cause dell’incidente al C 130, precipitato lunedì scorso subito dopo il decollo per un’esercitazione. I magistrati hanno acquisito, oltre ai resti del C 130, le 2 scatole nere e la registrazione della conversazione tra l’aereo e la torre di controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*