Serie A: Inter, è sempre più fuga: ora è a + 7

Print Friendly, PDF & Email

huntelaarSe non è fuga a tutti gli effetti, poco ci manca: può sintetizzarsi così il tema principale della 14a giornata, che ha visto la capolista Inter aumentare ancora il distacco dalle inseguitrici. I nerazzurri, infatti, hanno piegato di misura l’ostica Fiorentina, al termine di una partita combattuta, che ha visto i padroni di casa prima rischiare di capitolare per via di un palo colpito da Gilardino e poi trovare la rete vincente, grazie ad un calcio di rigore procurato e realizzato da Milito. Con questo successo la squadra di Mourinho ha portato a sette le lunghezze di vantaggio sulla seconda, che adesso è il Milan, autore di un exploit esterno rocambolesco ai danni di un solido Catania. I rossoneri, al termine di una partita davvero brutta, sono riusciti a sfondare il muro rossazzurro solo nei minuti di recupero, grazie ad una doppietta del ritrovato bomber Huntelaar, che ha regalato, così, alla sua squadra, tre punti fondamentali per continuare a credere nello scudetto. Chi invece esce con le ossa rotte da questa giornata è, sicuramente, la Juventus, sconfitta in modo bruciante a Cagliari e al suo secondo tonfo in 5 giorni, dopo quello incassato Mercoledì a Bordeaux. Dopo un primo tempo dominato dai sardi e chiuso in svantaggio, grazie ad uno strepitoso gol di Nenè, i bianconeri hanno disputato una ripresa tutta all’attacco ma, nel tentativo disperato di riequilibrare le sorti dell’incontro, hanno subito il raddoppio degli scatenati padroni di casa (alla loro quinta vittoria nelle ultime 6 partite), siglato da Matri, in contropiede. Adesso per Ferrara la situazione si fa davvero difficile e, con ogni probabilità, sarà il big-match di Sabato prossimo, contro i campioni d’Italia in carica, a decidere le sorti della stagione dei bianconeri e dello stesso allenatore. Nell’anticipo serale del Sabato, ha fatto sensazione la strepitosa affermazione del Genoa, nella sentitissima stracittadina, contro una inguardabile Sampdoria, al termine di una gara molto nervosa e decisa dalle reti di Milanetto, Rossi e Palladino. Successi importanti, ed entrambi in rimonta, per una rigenerata Roma, che con le reti di Vucinic e Perrotta, ha superato una sprecona Atalanta, illusa dalla rete iniziale di Ceravolo, e per il sorprendente Bari di Ventura, che, grazie ad un ottimo secondo tempo, caratterizzato dai gol di Masiello e di Greco, ha superato il fanalino di coda Siena del neo-tecnico Malesani, che si era portato in vantaggio, grazie ad una zampata di Vergassola. Finisce in parità la combattuta sfida tra Parma e Napoli, con i partenopei che hanno sbloccato la gara con un diagonale di Denis e che, nel finale, sono rimasti in dieci, a causa dell’espulsione di Contini, agevolando così i padroni di casa, che sono pervenuti al pareggio grazie ad un rigore realizzato da Amoruso. Preziose, invece, le vittorie dell’Udinese, che ha superato un mediocre Livorno, grazie a una pregevole punizione di Di Natale e ad un bel colpo di testa di Floro Flores, e del Chievo, al quale è bastata una rovesciata vincente di Abbruscato per rovinare il debutto di Delio Rossi sulla panchina del Palermo. Nulla di fatto, infine, nello scontro salvezza tra Lazio e Bologna, con i biancocelesti che hanno sbattuto, invano, contro l’attenta difesa dei felsinei, non riuscendo, così, neanche stavolta, a riassaporare la gioia della vittoria. E, a questo punto, la panchina di Ballardini è seriamente in pericolo.

Nella foto: Klaas Jan Huntelaar, sbloccatosi con una doppietta contro il Catania (foto tratta dal sito www. fantacalcio.q360.blog.it)

RISULTATI 14a GIORNATA

Udinese – Livorno 2-0 (29′ Di Natale, 40′ Floro Flores,)

Genoa – Sampdoria 3-0 (10′ Milanetto rig., 53′ Rossi, 75′ Palladino rig.)

Atalanta – Roma 1-2 (13’Ceravolo, 44’Vucinic, 64’Perrotta)

Bari – Siena 2-1 (3′ Vergassola, 78’Masiello, 93’ Greco)

Cagliari – Juventus 2-0 ( 31′ Nene, 89′ Matri)

Chievo – Palermo 1-0 (54’Abbruscato)

Inter – Fiorentina 1- 0 (85′ Milito rig.)

Lazio – Bologna 0- 0

Parma – Napoli 1-1 (32′ Denis, 85′ Amoruso rig.)

Catania – Milan 0-2 (92′ e 93’ Huntelaar)

CLASSIFICA

Inter 35 punti; Milan 28; Juventus 27; Sampdoria e Parma 24; Genoa 23; Cagliari 22; Bari, Roma e Fiorentina 21; Napoli 20; Udinese e Chievo 18; Palermo 17; Lazio e Bologna 13; Atalanta e Livorno 12; Catania 9; Siena 6.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*