Aggressione a Silvio Berlusconi

Print Friendly, PDF & Email

PremierferitoIl presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato vittima di un’aggressione. Alla fine del comizio in piazza del Duomo il premier è stato colpito da un oggetto, così come si può vedere dalle immagini diffuse da un servizio de “La 7”: probabilmente la miniatura del Duomo.

L’oggetto è stato lanciato da un uomo, fermato dalle forze dell’ordine, di età apparente  tra i 40 e i 50 anni, che è stato portato subito in questura per essere interrogato.

Dopo l’aggressione subita al termine del comizio alla manifestazione del Pdl, Berlusconi è stato portato all’ospedale San Raffaele. Sarà visitato da uno dei suoi medici di fiducia. La struttura ha ospitato altre volte il premier.

“Quello che hanno fatto a Berlusconi è un atto di terrorismo”: lo ha detto all’ANSA il ministro Umberto Bossi.

Aggiornamenti:

L’uomo che ha ferito il premier Silvio Berlusconi si chiama Massimo Tartaglia ed ha 42 anni.  Risulta avere solo un precedente di ritiro della patente per motivi di viabilità. Dopo il fatto è stato portato via dalla polizia, che lo ha sottratto alla rabbia della gente, senza proferire parola. Tartaglia risulta sconosciuto alla Digos. Secondo fonti investigative l’uomo, che risiede nell’hinterland milanese, è in cura da 10 anni per problemi mentali al Policlinico di Milano. 

Secondo fonti mediche la diagnosi effettuata al premier, all’ospedale San Raffaele, è di una perdita copiosa di sangue con lesione lacero-contusa interna ed esterna e due denti lesi, di cui uno superiore fratturato. Berlusconi è rimasto sempre cosciente ed è stato sottoposto ad una tac precauzionale  da cui è emersa anche un frattura del setto nasale e per decisione dei medici sarà tenuto sotto osservazione per 24 ore. Secondo quanto hanno riferito agenti della polizia di stato davanti al pronto soccorso del San Raffaele, il premier è stato portato all’interno sdraiato su una barella. “Berlusconi aveva – hanno riferito i testimoni – una borsa di ghiaccio sul volto ed appariva cosciente”. I medici hanno dato al premier una prognosi di 20 giorni.

3 commenti

  1. Questo episodio è significativo per il clima creatosi in questa bella Italia. La sinistra e il cosiddetto centro, non disposti a collaborare per il bene del paese, ma alimentando rancori e persino odio nelle persone che, purtroppo, non riescono a ragionare con il proprio cervello. Silvio Berlusconi responsabile di ogni male di questa nazione? Chi era a capo di questo paese prima? Ecco trovato i veri responsabili. E non è sicuramente una passeggiata rimettere in sesto una nazione disastrata dai governi precedenti. La bacchetta magica non esiste.
    Vergogna, questo deve provare ogni persona, politico, per questo gesto violento, perché responsabili indirettamente nel aver’ armato la mano del aggressore con le loro campagne antiberlusconiane.
    Cosa dire di Di Pietro? Ricordiamoci della Mercedes ecc. Chi è il corrotto? Povera Italia con persone nel governo che hanno persino difficoltà ad esprimersi in un italiano accettabile.
    Punto di vista di una delle tante persone straniere residente da alcuni anni nella vostra nazione.
    Scusatemi per dei errori in ortografia.

  2. restare calmo é il migliore modo di restare calmo.

  3. E TUTTO ARCHITETTATO DALL’OPPOSIZIONE.
    QUEL RAGAZZO AVEVA ALTRI OGGETTI NELLO ZAINO DA SCAGLIARGLI CONTRO.ANNO SCELTO BENE L’INDIVIDUO ( UNO IN CURA DA DIECI ANNI COSì SE LA CAVA CON POCO. SICURAMENTE AVRA’ PRESO MOLTI SOLDI PER QUELLO CHE A FATTO.BISOGNEREBBE ANDARE A VEDERE ANCHE I CONTI DELL’AZIENDA DEL PADRE E LE CONOSCENZE CHE ANNO.

    Mi auguro che a qull’aggressore gli venga inflitta la

    massima pena possibile senza tener conto dell’infermità mentale che si

    dice avere.Io fossi in lei ( Presidente ) aprirei anche un indagine a 360° sulla

    sinistra e in particolare su quel dipietro e quella bindi.

    Caro Presidente.
    Le rivolgo il mio più sentito affetto di pronta guarigione.( Un suo elettore ).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*