Demetra e Kore fanno ritorno in Sicilia

Print Friendly, PDF & Email

AIDONE (EN)

Ad Aidone, vicino Enna, le due divinità greche, Demetra e Kore, sono ritornate alla loro terra di appartenenza; dee delle messi e dell’alternarsi delle stagioni, fanno ritorno alla loro amata terra come Ulisse tornò per amore alla sua bramata Itaca; sono esse simboli di storia e cultura della Grecia arcaica e del forte fenomeno di colonizzazione nel meridione italiano che prese nome di Magna Grecia.

Si tratta di due  acroliti (teste, mani e piedi di statue) che sono tra i più raffinati esemplari di scultura greca arcaica in Sicilia, trafugati 30 anni fa ed esposti negli Stati Uniti fino al 2007; sono adesso giunti nel museo Archeologico di Aidone, facendo ritorno in patria.

Il sovrintendente ai Beni culturali, Beatrice Basile, ha realizzato per questa prima, assoluta esposizione in Italia, un allestimento molto originale: i due acroliti sono stati infatti decorati personificandoli in immagini reali di donna e addirittura coprendoli di vesti; il tutto realizzato dalla stilista siciliana Marella Ferrera che ha messo a punto, il suo equilibrio mescolandolo alla raffinatezza tra i contenuti arcaici delle statuette  e quelli contemporanei della sua arte.

Demetra e Kore oltre ad essere state due divinità della Grecia antica, erano imparentate  tra loro come madre e figlia e inoltre, divinità custodi delle messi e dell’alternarsi delle stagioni.

Il loro arrivo in Sicilia, è stato acclamato e festeggiato da molti siciliani che hanno rivolto alla storia greca, simboleggiata dalle dee greche, un sentito benvenuto con grande entusiasmo. Un percorso virtuoso come lo ha definito il Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo e sottolineato anche l’Assessore ai Beni Culturali; questo evento di ritorno, porterà la restituzione alla regione siciliana, anche della Venere di Morgantina il cui rientro si prevede per il prossimo 2011, secondo gli accordi stipulati con gli USA.

Fonte: www.ansa.it

Immagine tratta dal sito: www.ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*