Accordi fra Cina e repubbliche asiatiche

Print Friendly, PDF & Email

oleodotto4

Il presidente cinese Hui Jintao ha visitato le ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale;Kazakistan, Turkmenistan e Uzbekistan incontrando i i relativi presidenti.

L’argomento principale è stato la messa in funzione di un gasdotto di gas naturale che collega le quattro nazioni e porta quindi il prezioso carburante alla Cina che ne ha bisogno per il suo sviluppo economico. La repubbliche asiatiche possono quindi diversificare i propri  clienti e non essere solo obbligati a vendere alla Russia.

Gli accordi poi riguardano anche la collaborazione economica  culturale in tutti i campi e sono previsti anche ingenti  prestiti cinesi

L’accordo si è allargato anche a questioni politiche di comune interesse. I leader dei tre paesi dell’Asia centrale hanno ribadito la loro adesione alla politica di una sola Cina (cioè alla riunificazione con Taiwan)  e il sostegno per l’impegno della Cina per proteggere la sua sovranità e integrità territoriale. (contro i movimenti autonomistici del e del Tibet)
Hanno anche promesso di lavorare con la Cina per rafforzare la cooperazione per la sicurezza, sia a livello bilaterale che  nel quadro della SCO, per combattere il terrorismo, il separatismo e l’estremismo, in modo da salvaguardare la sicurezza e la stabilità e garantire uno sviluppo comune e la prosperità della zona.
Hanno anche dato la loro approvazione  al ruolo importante e attivo della Cina nella gestione di grandi questioni internazionali,

In altri termini la Cina si pone sempre di più come una alternativa all’America e all’Occidente in Asia come in Africa

…………….

Da Xinhua ( nuova Cina): I presidenti della Cina, del Kazakistan, dell’Ubekistan e del Turkmenistan girano insieme l’apertura del gasdotto sulla riva del fiume Amu Darya,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*