Maltempo: tragedia sulle Dolomiti

Print Friendly, PDF & Email

avalancheDopo il gelo e la neve è la pioggia a creare forti disagi e problemi su tutta l’Italia. Il maltempo non lascia tregua e il Dipartimento della Protezione Civile fa scattare l’allerta per fiumi e frane. Precipitazioni intense in Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, ma è in Liguria e Toscana che si registrano problemi più gravi. In particolare, la situazione di maggiore criticità è tra le province di Pisa e Lucca, dove si continua a monitorare il livello del lago di Massacciuccoli. Nel Mantovano desta preoccupazione la piena del fiume Secchia. Intere zone sono finite sott’acqua, diverse strade sono rimaste interrotte e si contano centinaia di sfollati.

Si è aggravato il bilancio delle vittime delle valanghe in Trentino Alto Adige (il pericolo valanghe, su una scala di cinque, è passato al grado tre). Le operazioni di ricerca, compiute da circa quaranta uomini del Soccorso Alpino, dalle unità cinofile del Soccorso alpino e della Scuola Alpina della polizia di Stato di Moena, dai Carabinieri e dai Vigili del Fuoco di Canazei, si sono concluse solo questa mattina con il recupero dei corpi di Diego Peratoner, Ervin Riz, Alessandro Dantone e Luca Prinot, quattro dei sette soccorritori del soccorso alpino di Canazei, Val di Fassa, partiti ieri pomeriggio alla ricerca di due dispersi. E sono stati trovati anche i corpi di questi ultimi, due turisti stranieri. Dopo aver raggiunto il rifugio Forcella, gli esperti erano scesi con gli sci verso la Val Lasties in direzione di una valanga che probabilmente aveva travolto i turisti. Improvvisamente un grandissimo costone di neve si è staccato dall’alto. Quattro dei soccorritori sono stati trascinati verso valle per circa 400 metri, su 200 metri di dislivello e sono morti. Due, Sergio Valentini e Roberto Platter, sono rimasti feriti. Il settimo è stato solo sfiorato dalla valanga ed è stato lui a dare l’allarme.

Un’altra tragedia in montagna si è consumata nella zona di Solda, in Alto Adige, dove ha perso la vita un ragazzino tedesco di 12 anni travolto da una slavina. Massima prudenza e attenzione consigliano gli esperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*