Battiato contro Youtube?

Print Friendly, PDF & Email

battiato vs youtubeFans increduli e in rivolta: epurate dal canale telematico decine di video riguardanti l’artista siciliano.

A cura di Vincenzo La Monica

Una scossa di terremoto informatico è partita dalle pendici dell’Etna per raggiungere il canale di video Youtube. Decine di ammiratori di Franco Battiato, che avevano caricato filmati sul popolare sito di condivisione, non hanno creduto ai proprio occhi quando sono stati raggiunti da una singolare comunicazione. La comunicazione per loro della cancellazione del materiale a seguito di una notifica inviata proprio da Franco Battiato. Secondo l’avviso, i loro video violerebbero il copyright.

Nel giro di pochi giorni si è verificata una ecatombe di materiale filmato riguardante l’artista siciliano. Cancellazione che ha interessato non solo, come sarebbe giusto, la messa in rete di momenti privati, di concerti o di materiale di scarsa qualità audio – video, ma anche di apparizioni televisive andate in onda su reti nazionali e momenti di conferenze pubbliche su cui certo Battiato non può accampare diritti di immagine.

Ad oggi, comunque, sono stati cancellati svariate decine di filmati e migliaia di commenti correlati ad essi. Commenti che, in massima parte, testimoniavano la popolarità dell’artista e l’amore smisurato del pubblico per il musicista.

È proprio la comunità dei fans ad interrogarsi sui motivi di un tale furore iconoclasta che non è certo nello stile, notoriamente distaccato, dell’artista.

Nei fatti è alquanto improbabile che sia stato Franco Battiato in prima persona a setacciare Youtube per chiedere la rimozione dei video. È molto più verosimile che abbia affidato questo compito ad una persona del suo entourage che, a quanto pare, si sta lasciando prendere la mano, accanendosi anche contro innocue manifestazioni di affetto di ammiratori che si sono visti chiudere il proprio account senza nemmeno il tentativo, previsto dai protocolli di Youtube, di una soluzione bonaria della controversia.

Sarebbe questo il primo caso di un artista italiano che intraprende una crociata contro il sito. Molti altri uomini di spettacolo come Beppe Grillo, Jovanotti, Vasco Rossi e Andrea Bocelli hanno preferito più scaltramente aprire un proprio canale personale per controllare qualità e contenuti dei video. Hanno messo in pratica, loro, il primo dei trentasei stratagemmi dell’arte militare cinese: attraversare il mare per ingannare il cielo. E dire che Battiato agli stratagemmi cinesi aveva dedicato un album!

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*