Rimosso dall’ordine il magistrato anti-crocifisso

Print Friendly, PDF & Email

luigi_tostiIl Magistrato Luigi Tosti del Tribunale di Camerino (Macerata)  è stato oggi rimosso dall’ordine giudiziario. Il Consiglio Superiore della Magistrastura ha optato per questa decisione dopo un’udienza che ha avuto luogo questa mattina a Roma e in cui Tosti si è difeso da solo.
Il procedimento contro Tosti era iniziato 5 anni fa, poiché il giudice si era rifiutato di tenere le udienze in un’aula in cui c’era il crocifisso. Per questa sua battaglia aveva subito due condanne penali a un anno di reclusione, poi annullate dalla Cassazione. Dal 2006 il Giudice era stato privato dello stipendio e sospeso dalle funzioni.
Tosti si era rifiutato di tenere udienze in aule in cui c’era il crocifisso nel periodo che va dal maggio del 2005 al gennaio del 2006.  Le condanne gli erano state inflitte in relazione a questo rifiuto. La Cassazione aveva  però rilevato che Tosti aveva avvisato il Presidente del Tribunale di Camerino, che l’aveva sostituito permettendo il normale svolgimento dell’attività giudiziaria, quindi non c’era stata interruzione dell’attività stessa. Il Consiglio Superiore della Magistratura ha invece condannato il Magistrato, oggi, anche perché il Tribunale di Camerino gli aveva messo a disposizione per le udienze un’aula senza simboli religiosi. Evidentemente il Magistrato punta a qualcosa di più incisivo in linea di principio. ”O date ragione a me e rimuovete i crocifissi da tutte le aule di giustizia italiane, oppure non potete far altro che cacciarmi dalla magistratura” aveva detto categorico. Parlando anticipatamente dell’ udienza di oggi Tosti aveva anche presagito che i membri del CSM lo avrebbero condannato “per non offendere i desideri di Joseph Ranger” e per “non correre il rischio di essere linciati”. E in previsione di questo, Tosti aveva già deciso cosa fare: adirò alla Corte Europea dei diritti dell’Uomo, aveva anticipato. Conosciuto e stimato come una delle persone più preparate che c’erano nel tribunale di Camerino, al di là di questa sua battaglia da alcuni condivisa e da altri avversata, il battagliero Giudice siamo sicuri che lotterà fino in fondo per le cose in cui crede, senza risparmiarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*