Elezioni nello Sri Lanka

Print Friendly, PDF & Email

sri lam nka 4_3

Mahinda Rajapaksa è stato rieletto Presidente dello Sri Lanka, con  il  57,9 % dei voti, mentre il suo rivale, Sarath Fonseka, ha ottenuto il 40,1 %. Intanto  truppe circondano l’hotel Cinnamon Lakeside nella capitale Colombo, dove Fonseka, si trova insieme ad alcuni dei suoi sostenitori.  Fonseka ha detto ai giornalisti che il governo stava complottando per ucciderlo, e che non accetta questo risultato contro cui farà  ricorso. Ha detto pure che   intende chiedere garanzie per la sua sicurezza a un paese vicino ( lndia). Una situazione quindi non tranquilla in Sri-lanka. Si tratta  delle  prime elezioni dopo la vittoria dell’esercito di Colombo sulle Tigri Tamil che erano riuscite  a costituire una propria entità etnica in una parte dell’isola.

In realtà il contrasto fra i due candidati non è sulla linea politica nella quale  non si  notano differenze apprezzabili ma semplicemente personale. Rajapaksa è il presidente  che ha scatenato la repressione dei  Tamil mentre Fonseka è i generale  che ha portato l’esercito alla vittoria: il secondo accusa il primo di voler prendersi il merito della vittoria  che invece spetterebbe a lui. Intanto nel paese  stenta a tornare la normalità: molti tamil  restano ancora nei campi di concentramento e il loro reinsediamento procede lentamente.

Difficilmente l’India vorrà intervenire  come sollecita Fonseka: già negli anni 90 nel tentativo  di riportare la pace nel paese fini con l’essere invischiata nella guerra civile con grandi perdite umane  ed economiche e il presidente indiano, Rajiv Ghandi, fu ucciso in seguito da un estremista Tamil per vendicare la morte dei propri compagni
————-

Nella foto: Il presidente riconfermato Mahinda Rajapaksa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*