Roccaraso: trovato il corpo dello sciatore scomparso

Print Friendly, PDF & Email

E’ stato ritrovato a Roccaraso il corpo di Giovanni Ferrante, lo sciatore scomparso lunedì scorso sul monte Aremogna, mentre tentava un fuoripista. Secondo le prime ricostruzioni l’uomo sarebbe sarebbe caduto, a causa della pendenza, battendo la testa e finendo in un bosco, poi sarebbe stato coperto dalla neve, una sorta di valanga che lui stesso, cadendo, avrebbe provocato. Questa mattina il suo cadavere è stato ritrovato verso le 8,15 da due agenti di polizia, che prima avevano avvistato una tavola da snowboard rossa e nera, in località Azzurra alle Gravare. L’uomo, cadendo, aveva riportato la rottura di entrambe le gambe, oltre a un trauma cranico. La tavola da snowboard era spezzata. Poiché il cadavere era sepolto sotto un metro di neve non si sa se l’uomo sia morto per soffocamento o per altre cause. Adesso il cadavere sarà trasportato all’obitorio di Castel di Sangro. Il sostituto procuratore della Repubblica di Sulmona ha dato l’autorizzazione alla sua rimozione.

Giovanni Ferrante, 49 anni, istruttore di ballo, era stato cercato in questi giorni con un elicottero NH500, con le unità cinofile del corpo forestale, con alcune unità altamente specializzate del soccorso alpino forestale e dai comandi della stazione Meteomont del corpo forestale dello Stato di Roccaraso e Rivisondoli. L’uomo era nato in provincia di Caserta, ma risiedeva a Latina. Si era recato lunedì scorso sulle piste della stazione sciistica di Roccaraso assieme ad una comitiva, che poi aveva lasciato intorno alle 16 per continuare a sciare da solo. Non riuscendo più a mettersi in contatto con lui, i familiari avevano dato l’allarme alle 16 di lunedì. La vettura dello sciatore, una Toyota Yaris, era stata ritrovata nel parcheggio del piazzale di partenza degli impianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*