Print Friendly, PDF & Email

Carnevale_di_Acireale_carro_infiorato_2005[1]

Siamo ancora una volta in Sicilia, isola del sole, tra  mare e vulcano; si sposta la nostra attenzione su una piccola cittadina in provincia di Catania, Acireale famosa e straordinariamente festosa durante il mese di Febbraio durante i preparativi per i festeggiamenti del Carnevale con i suoi particolarissimi carri allegorici e infiorati.

Il Carnevale di Acireale è uno dei più famosi festeggiati in tutta la Sicilia insieme ad altri luoghi dell’entroterra orientale come Agira in provincia di Enna, Misterbianco in provincia di Catania che accolgono questo periodo dell’anno come motivo di folklore e ricorrenza da mantenere nel tempo.

Da secoli la popolazione di Acireale gioisce nelle fasi di preparazione e allestimento di questo strepitoso evento, puntando l’ attenzione sui carri che rispecchiano l’immagine di ogni Carnevale acese.

 Sono carri preparati con attenzione, impegno e dedizione durante i mesi dell’anno, fatti di carta pesta, ispirati al mondo esterno e alle realtà che abbracciano la società attuale come la politica, lo spettacolo, il cinema, le realtà locali; i gruppi mascherati che li accompagnano arricchiscono decisamente il messaggio che essi emettono al loro pubblico.

Nel Carnevale di Acireale si celano profonde tradizioni e culture antiche di questa cittadina; una delle maschere che possiede la chiave di lettura più esaustiva che viene riproposta tutti gli anni e anche in questa edizione 2010,  è l’Abatazzu, denominato anche Pueta Minutizzu che dal 1667 ha avuto lo scopo di lanciare una critica al clero e all’immagine clericale di quel tempo soprattutto facendo riferimento all’Abate Vescovo di Catania.

Tra i più recenti invece ricordiamo la Quadaredda, che risale agli anni 50 e la Cola Taddazza.

Dunque, in questo particolare periodo dell’anno, il barocco siciliano e in particolar modo quello acese, viene abbellito e decorosamente sottolineato dal percorso carnevalesco che si svolge soprattutto per le vie del centro storico di Acireale.

Una vera gara di carri allegorici ed infiorati che sfilano e si parano al cospetto degli spettatori e di chi, con fatica ma entusiasmo li ha realizzati e resi vivi; un vero spettacolo che ricorre ogni anno e che nel tempo ha affrontato ostacoli d’ogni genere.

 Anche per questa edizione 2010, il Carnevale ad Acireale, vede la partecipazione di gente locale e turisti provenienti da molte parti dell’Europa per partecipare con spirito goliardico.

La sfilata dei carri allegorici si svolge tra le due Domeniche che costituiscono il decorso del Carnevale, mentre per tutta la settimana, in giro per le stradine affollate di Acireale, i carri infiorati, decorati con luci, maschere , festoni, ostenteranno il loro fascino nel mistero della notte siciliana con danze e infiniti festeggiamenti, avvolgendo la bellissima Piazza Duomo.

La premiazione del più bel carro, avverrà l’ultimo giorno di Carnevale, Martedì 16 Febbraio, che vedrà la morte del simbolico Re Carnevale salutato con fuochi pirotecnici e cerimonie conclusive ed un caloroso arrivederci al 2011.

I carri che tra parate e mostre rappresentano il simbolo del Carnevale 2010 e dei precedenti, regalano una delle feste più lunghe e spumeggianti dell’anno che va dal 30 Gennaio al 16 Febbraio 2010 che coinvolge tutti, ma proprio tutti.

Il popolo risponde calorosamente alla festa regalando dei contributi molto ricchi a questo grandissimo evento: tra majorette, maschere allegorico – grotteschi, gruppi musicali e bande comiche si da il via al grande circuito che porterà alla premiazione dell’esposizione più bella, particolarmente gradita dal pubblico.

Ad Acireale: uno dei più bei carnevali di Sicilia!

 

 Fonte: www.carnevalediacireale.it/index.aspx  

 Video: http://www.youtube.com/watch?v=81RaBs1uX_g

 Imagine: www.immaginigoogle.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*