Il 31° anniversario della Repubblica Islamica

Print Friendly, PDF & Email

iran manifestazione

Per la prima volta in Iran l’anniversario della Rivoluzione è stato celebrato in una atmosfera tesa per timori di scontri interni  che infatti vengono segnalati in varie zone del paese. Tuttavia fra le autorità  che minimizzano o negano del tutto e i siti web e i messaggi su Twuitter che sono incontrollabili è difficile, come al solito, farsi una idea attendibile  di quanto è avvenuto.

Bisogna considerare che anche l’opposizione si richiama a Khomeini (almeno nella sua grande maggioranza ) ed è guidata da personaggi che furono i maggiori collaboratori di Khomeini stessi.

La contestazione, il “movimento verde” come si definisce, ha cercato di unirsi alle  manifestazioni per gridare quindi il suo dissenso dalla attuale politica di Ahmadinejad e di Khamenei. Le  autorità hanno predisposto imponenti misure di sicurezza, operato molti arresti preventivi  e soprattutto sollecitato  la presenza delle milizie di basiji che presidiano le piazze e le vie respingendo a suon di manganelli i contestatori. Corrono voci non controllate di violenti scontri a Teheran e in altre città con la morte di tre persone, qualcuno dice anche trenta.

E’ stato pure detto che  l’auto di Karroubi, uno dei leader  riformisti, è stata attaccata da basiji, che alcuni parenti stretti di Khatami, sono stati arrestati.

Comunque centinaia di migliaia di sostenitori del regime si sono radunati in tutte le città dell’Iran per gridare il loro sostegno ad Ahmadinejad.

Questi ha tenuto un discorso durissimo contro gli occidentali ribadendo  che l’Iran continuerà ad arricchire autonomamente  l’uranio, e gridando le solite minacce di cancellare l’entità  sionista (Israele).

—————-

La manifestazione a favore del governo a Teheran

 

Per un approfondimento clicca: Iran da  Khomeini ad Ahmadinejad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*