Ballando con i talebani

Print Friendly, PDF & Email

talibgetty2565

In  Afganistan ancora una offensiva  della  NATO che procede senza grosse difficoltà come sempre,  ma la domanda è come sempre: e poi quando le forze si saranno ritirate saranno in grado le autorità afgane di mantenere il controllo ?
In proposito presentiamo  parte di un interessante articolo di un analista arabo Marwan Bishara, pubblicato da al Jazeera, che prospetta come soluzione del conflitto in Afganistan un accordo che permetta la imposizione della sharia dai  talebani in cambio dell’abbandono della loro alleanza  con al Qaeda.

————-

Nonostante l’impegno delle forze armate Usa, l’Afghanistan si sta rivelando più impegnativo dell’Iraq. A differenza della generale ostilità irachena per i metodi e gli obiettivi di  al-Qaeda, la rete di Osama bin Laden resta il più potente partner strategico dei talebani nella sua lotta contro il governo centrale e i suoi sostenitori  degli Stati Uniti. Al-Qaeda ha guidato alcune offensive dei talebani e ha fatto da  ponte e coordinamento tra i vari talebani, in particolare i gruppi afghani e pakistani.
È stato impossibile per gli Stati Uniti finora dividere  i talebani cosiddetti moderati e da quelli cosiddetti radicali come non sono riusciti  a separare i talebani da al-Qaeda. I talebani hanno aperto nuovi fronti nelle regioni del nord dopo aver consolidato la loro presa sulle regioni meridionali e orientali. Introducono la loro versione di sicurezza e di giustizia in  queste regioni, come un governo parallelo.
Gli Stati Uniti e la coalizione internazionale sono frustrati dalla incapacità dell’esercito afgano a contrastare l’insurrezione e se si ritirano  rapidamente   nei prossimi due anni con la netta vittoria dei  talebani e di al-Qaeda, il governo Karzai cadrebbe in pochissimo tempo.

La percezione del fallimento degli Stati Uniti e il successo dei talebani creerebbe  un movimento di ampia portata e un impatto psicologico sui politici dell’opposizione islamista e in particolare nella regione, con conseguenze per gli interessi strategici degli Stati Uniti e il suo ruolo nel Medio Oriente.

 Il Pakistan ha due opzioni:respingere i talebani e  al-Qaeda in Afghanistan – e i suoi servizi di intelligence hanno leva sufficiente per farlo. O  pretendere di essere al centro della scena per eventuali accordi futuri in Afghanistan: non può limitarsi ad essere uno spettatore.

Non è chiaro in ultima analisi, se l’Arabia saudita e il Pakistan sotto il patrocinio degli Stati Uniti avrebbero  lo scopo di raggiungere una divisione ‘funzionale’ o territoriale’ tra il governo Karzai e i talebani.

La prima soluzione comporta una  riconciliazione e porterebbe i talebani nell’ambito del governo. La seconda porterebbe di fatto a una pragmatica divisione anche se temporanea delle regioni  il paese fra  Karzai e i  talebani.

Ogni accordo con i talebani  ruoteranno intorno a due questioni importanti, al-Qaeda e il  wahabismo.
Senza alcuna ambizione a livello mondiale, l’obiettivo principale dei talebani in Afghanistan è di imporre  la propria  versione della Sharia islamica. Nonostante l’ impegno serio ‘morale’ e strategico di  al-Qaeda, Bin Laden è ancora in secondo piano.
Per gli Stati Uniti e i suoi partner di coalizione, l’obiettivo principale è l’isolamento di al-Qaeda e la sua sconfitta. Le norme sociali in Afghanistan, anche se si sono impegnati a cambiarle , restano obbiettivo  secondario.
Non sarebbe da stupire se ci fossero  compromessi su questioni secondarie, consentendo ai talebani di imporre le proprie  regole e gli Stati Uniti di  dichiarare la vittoria contro al-Qaeda.
Ad ogni modo, tutti i poteri regionali e internazionali stanno ballando al ritmo dei talebani. Non è esattamente il concerto vittoria che avevano  previsto.

—————-

Da al jazeera : turbanti talebani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*