Print Friendly, PDF & Email

Oggi è l’ultimo giorno di Carnevale, il “martedi grasso” che conclude questo periodo, e ho sentito l’esigenza, direttamente dal cuore, di dirvi qualche parola su come festeggia il Carnevale una cittadina dell’interno della Sicilia che, quando arrivi da Catenanuova, dopo l’ultima curva, ti appare come un presepe incastonato nella montagna: è Regalbuto in provincia di Enna al confine con quella di Catania.

A Regalbuto ho vissuto dal novembre ’84 al luglio ’88, quindi molti anni fa, eppure è come se fosse successo ieri tanto è stato l’affetto, l’accoglienza calorosa e spontanea che mi hanno tributato, sin dal primo istante, tutti i regalbutesi indistintamente e che porto ancora dentro il cuore come un regalo prezioso.

Regalbuto, per chi non lo sapesse, ha un Carnevale stupendo, inimmaginabile per una cittadina così piccola eppure così formidabile nel creare, ogni anno, una sfilata di Carnevale che non ha nulla da invidiare a quelli di città più grandi sia in Sicilia che nel resto dell’Italia.

La sfilata carnevalesca percorre il corso “d’o chianu ‘a chiazza”, dalla piazza delle Palme alla piazza del Duomo, con enormi e stupendi carri mascherati che sfiorano i balconi delle case antiche, con formidabili e numerosi gruppi mascherati a tema, con quadriglie e balli che durano tutto il pomeriggio fino alla sera quando, riuniti tutti nella piazza davanti ai balconi del Municipio, attendono con ansia il verdetto sul vincitore di ogni categoria.

2 commenti

  1. Per averci abitato quattro anni e per esserle venuto direttamente dal cuore è un po’ striminzito come articolo Signora Domenici…Si vede che non ci viene da molto a Regalbuto. ..

  2. Author

    Caro sig Regalbutes 50 (peccato non mettere il suo nome, forse avrei scoperto che ci siamo conosciuti all’epoca!!!)mi dispiace questo suo commento ma io volevo solo segnalare il bellissimo carnevale di Regaòbuto a chi non lo conoscesse, il resto di quello che avrei voluto dire sulla città e sull’affetto che mi hanno regalato in quei quattro anni non mi sembrava fosse pertinente all’argomento Carnevale ma da dedicarci un ulteriore riflessione a parte, grazie comunque per essere passato a leggermi, Daniela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*