“Senza Hitler” al teatro Brancati di Catania

Print Friendly, PDF & Email

Mercoledì 24 febbraio 2010 alle ore 21 debutta al Teatro Vitaliano Brancati, in via Sabotino a Catania, la commedia “Senza Hitler” scritta da Edoardo Erba, autore contemporaneo già applaudito dal pubblico e dalla critica durante la scorsa stagione teatrale, sempre al Teatro Brancati,  per “Margarita e il gallo”. Due atti tra il drammatico e il grottesco, tra la risata e la tragedia, diretti da Armando Pugliese che costruisce una regia interamente al servizio della sorpresa. In scena come protagonisti due interpreti d’eccezione quali Andrea Tidona e Carla Cassola insieme a Giovanni Carta e Barbara Giordano.

Come sarebbe stato il mondo Senza Hitler? E soprattutto chi e cosa sarebbe diventato Adolf senza Hitler? Se non avesse mai ricevuto quel secco no, quel fatidico verdetto: «Scarso talento, prova di disegno insufficiente!» di non ammissione all’ Accademia di Arti Figurative di Vienna nel 1907.

E se invece avesse superato quell’esame? Erba ci proietta in una dimensione parallela in cui Adolf, che  viene promosso all’ Accademia di Belle Arti,  realizza il sogno della sua giovinezza: diventare pittore. Un tema affrontato con ironia che reinventa così la storia di un secolo.

Lo spettacolo assume i caratteri di un thriller in un gioco di rimandi, incastri e metafore; è una divertente sciarada espressionista che si caratterizza per le pennellate aggressive e vivaci, in cui l’invenzione teatrale funziona da specchio rimandandoci la figura di un dittatore che senza quella bocciatura sarebbe diventato soltanto un pittore folle, mediocre ed irrequieto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*