Madera: cumuli di fango e detriti

Print Friendly, PDF & Email

Portugal Madeira Floods

Un vero disastro quello avvenuto in queste ore nell’isola portoghese di Madera verso la quale si sta prestando aiuto e supporto.

Una profonda ferita provocata dalla natura: le forti piogge hanno danneggiato l’isola. Il bilancio delle vittime tenderebbe a salire da ora in ora.

I soccorritori stanno usando tutti i mezzi possibili  e a loro disposizione per prestare aiuto  e cercare il numero maggiore di corpi rimasti intrappolati sotto i detriti e le grandi quantità di fango che sembrano infinite da rimuovere.

Le acque dei torrenti sono fuoriuscite dai loro argini a causa delle eccessive piogge di questi giorni così anche gli smottamenti dei terreni circostanti hanno dato il via ad un reale disastro, abbattendo alberi, portando via ponti e invadendo le strade da fango, detriti e altro.

Una Madera  disastrata; quella che era fino a pochi giorni fa una destinazione turistica a mille km a sud-ovest di Lisbona e patria di Cristiano Ronaldo la stella del Real Madrid,  adesso è ridotta in fango e accumuli di detriti difficili da rimuovere.

Gravissima situazione per gli innumerevoli senzatetto che hanno perso la casa e sono stati trasferiti in rifugi temporanei. Chiuso l’aeroporto internazionale e anche i collegamenti marittimi sono stati interrotti: Madera è rimasta completamente isolata fino a sabato sera.

L’intervento della Marina portoghese con a bordo elicotteri, un gruppo di medici e materiale di soccorso è salpata da Lisbona verso l’isola nella serata di sabato e non indifferente è stata la mobilitazione da parte delle Forze armate con elicotteri e due aerei militari per il trasporto di vigili del fuoco.

Ieri, è partita alla volta di Funchal anche una squadra di soccorso della Gendarmeria portoghese composta da 56 uomini, assieme a delle squadre di pompieri di Lisbona tutti pronti al soccorso delle popolazioni vittime della calamità.

Si è pronti ad aiutare le autorità portoghesi di fronte alla terribile catastrofe che ha colpito Madera perché in questi casi è utile un atteggiamento di solidarietà e partecipazione verso tutte le vittime della catastrofe.

Uno stato di allarme da poco tempo condiviso in massa, ricordando la catastrofe haitiana che vive e vivrà ancora per lunghi tempi conseguenze dure per quanto subito.

Una  collaborazione comune verso tutta la popolazione colpita dalla frana aiuterà di certo a risollevare i superstiti e provare a migliorare la loro condizione di sopravvivenza attuale pensando soprattutto a chi ha già perso tutto e ai bambini chiaramente che sono sempre le vittime più sensibili e marcate di queste situazioni.

Fonte: www.corrieredellasera.it

Immagine tratta da: www.corrieredellasera.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*