Fuori gioco

Print Friendly, PDF & Email

Sabato 6 marzo 2010, alle ore 17,30, nello Spazio Cultura “Meno Assenza” (Corso Vittorio Veneto, Pozzallo), si terrà la presentazione del libro Fuori gioco. Vita bruciata di un calciatore di provincia di Salvatore Scalia (Marsilio Editori, Venezia, 2009).  Interverranno il sindaco di Pozzallo, Giuseppe Sulsenti, l’assessore alla Cultura Attilio Sigona, la studiosa Grazia Dormiente e l’autore. Coordinerà il giornalista Michele Giardina. L’attore Miko Magistro leggerà alcuni brani del libro. L’iniziativa è organizzata a cura dell’assessorato comunale alla Cultura.

Salvatore Scalia è caposervizio Cultura e spettacoli del quotidiano “La Sicilia”. È autore di alcuni libri, tra cui Il vulcano e la sua anima (premio Città di Randazzo), Processo a Bixio, Teatro. Trilogia del malessere (premio Martoglio di Belpasso) e il romanzo La punizione, Catania 1976: quattro ragazzi spariti nel nulla (premio Vittorini sezione Opera prima).

Fuori gioco racconta la storia di un calciatore di provincia, attraverso la memoria del protagonista, colto in due momenti della sua esistenza: dapprima da ragazzo alla vigilia della partenza per Milano per un provino con l’Inter; e da adulto, a fine carriera, che passeggia sui sentieri dell’Etna. I primi sono ricordi di iniziazione sessuale, sentimentale, politica e morale, di quella moralità a rovescio che premia i furbi, incarnata dal padre operaio raccomandato che ha riversato sui figli le proprie frustrazioni e da un compagno di squadra privo di scrupoli che diventerà ricco legandosi alla mafia e al potere. L’uomo adulto, invece, prova i morsi della delusione, si rende conto di aver vissuto a occhi chiusi, di aver amato una donna ricca e capricciosa, di essersi fidato delle promesse del suo protettore, assistendo indifferente alla distruzione del suo vecchio mondo di sogni, di miti, di paure infantili. Sullo sfondo le macchiette tragiche e grottesche di Mascalucia, paese a cui la speculazione edilizia strappa il fascino antico e Catania con la sua vivacità colorita e violenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*