Sculture tibetane di burro a Lambrang

Print Friendly, PDF & Email

P201003020928042768341573

Le sculture  fatte con un materiale davvero insolito, il burro.,è una tradizione del monastero tibetano di Labrang.

Le sculture di burro, di yak allevati nella zona, è uno dei tesori artistici della monastero: rappresentano  un po’ tutto: Buddha, figure umane,  uccelli, animali vari , così come alberi e fiori.

Una grande mostra di sculture di burro,si è tenuta nel  monastero per celebrare la festa delle lanterne, il giorno 15 del primo mese del calendario lunare cinese che quest’ anno cadeva  il 28 febbraio del nostro calendario: la mostra ha attirato circa 120.000 visitatori.

 

Il monastero di Labrang è stato fondato  nel 1709, per  la setta gialla  (Gelug ) del buddismo tibetano: si trova all’incrocio strategico di  quattro grandi culture asiatiche; tibetani, mongoli, cinese Han, e musulmani. Era una delle più grandi università monastiche buddiste.

Labrang è anche un punto di incontro per numerose feste religiose, con il sostegno di  un  attivo mercato regionale, dove gli artigiani cinesi Han si trovano a collaborare  con  Hui (mussulmani cinesi ) e con i tibetani. Le pareti bianche e i tetti d’oro sono una sintesi degli  stili architettonici tibetani e cinesi.

C’erano una volta più di 2.000 monaci ma ora sono solo 500, a causa di una chiusura di dodici anni a partire dal 1958. È anche un museo buddista con una grande collezione di statue di Buddha,  sutra e murales, una grande quantità di libri in lingua tibetana, e inoltre sono in vendita medicinali, calendari, strumenti musicali e oggetti d’arte.
Anche se la regione è remota, prevalentemente rurale e pastorale, il turismo è in rapida crescita principalmente per il monastero.
Nel marzo 2008 vi sono state proteste dai monaci di Labrang, in seguito ai  disordini scoppiati a Lhasa.

————–

Lambrang: monaci ammirano sculture di burro:  foto da Xinhua (Nuova Cina)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*