Il Paleo Stromboli esplode ed erutta lave incandescenti

Print Friendly, PDF & Email

stromboli-711089[1]

Il vulcano Stromboli torna a farsi sentire; tre violente esplosioni sono state registrate, poco distanti l’una dall’altra.

Delle tre esplosioni, l’ultima è stata quella di maggiore intensità che ha provocato anche una fuoriuscita di lava.

La natura, fa il suo corso e rende vive le isole Eolie che in provincia di Messina, arricchiscono lo scenario suggestivo e affascinante del nostro territorio italiano.

Non sono stati registrati danni a cose o persone anche se parrebbe che la lava, secondo i rilievi del dipartimento nazionale della Protezione Civile, si sia diretta verso la zona isola della Sciara del fuoco.

Un vulcano acceso e attivo quello di Stromboli intorno al quale, ultimamente le  visite turistiche erano state consentite ma soltanto ad una certa quota, per maggiore prudenza. La situazione è costantemente seguita dalla sala operativa del dipartimento nazionale della Protezione civile e dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

Il vulcano Stromboli, avrebbe preso nome dall’omonima isoletta, facente parte delle incantevoli isole Eolie.

L’isola di Stromboli è stata una delle ultime isole Eolie a nascere tra tutte, emergendo dal mare.

Sembrerebbe proprio che prima di riemergere dal mare, l’isola di Stromboli sia stata preceduta dal nascere del piccolo vulcano Strombolicchio, che dista di circa un cholometro e mezzo dalla stessa isola.

Uno spettacolo che può definirsi letteralmente naturale: un cratere che esplodendo, adagia altrove i brandelli di lava incandescenti tra fragori e nuvole di gas che lasciano i turisti visitatori senza fiato, alla vista di cotanta bellezza.

Fonte: www.ansa.it

Immagine tratta dal sito: www.immaginigoogle.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*