Ecce Civitavecchia

Print Friendly, PDF & Email

civitavecchia

Finalmente, almeno per quanto riguarda il primo turno dei play off per la promozione in serie B, il quadro è completo.

Domenica 2 maggio, alle ore 12,30, al Comunale “P. Antonio Mazzuca” di contrada Marchesino a Rende (CS), con l’incontro tra Oncoibla Padua Rugby Ragusa e Civitavecchia Centumcellae Rugby prenderà ufficialmente il via la fase “play off” alla fine della quale, saremo già a giugno, sapremo quali squadre giocheranno la prossima stagione in serie B.

Alle 15,30 saranno poi la Polisportiva Abruzzo Rugby Chieti e la Neroniana Rugby Anzio a giocarsi, sul campo di Rieti, il passaggio del turno. Passaggio del turno che invece è già stato acquisito a tavolino dal Bari in quanto il Nuceria, l’unica squadra campana ad essere in regola con i requisiti imposti dalla Federazione, ha rinunciato a disputare i play off.

Concentriamoci però adesso sugli avversari della squadra ragusana. Il Civitavecchia Centumcellae Rugby quest’anno ha disputato (e vinto) il girone “Lazio1” della serie C regionale anche se, se avessero voluto, avrebbero potuto iscriversi al campionato Elite. «Avevamo il secondo migliore coefficiente e potevamo disputare la C Elite, ma abbiamo preferito partire dalla C regionale perché ci è sembrato assurdo buttare via un sacco di soldi per partecipare alla Elite. Piuttosto, ci siamo detti, quei soldi, meglio investirli nel vivaio», ci ha confermato Domenico Memmo Nastasi, presidente della società laziale. «Ad inizio stagione partivamo con i favori del pronostico anche se, per quanto ci riguarda, al meno per quest’anno, la nostra priorità non è la promozione. È evidente che domenica ce la giocheremo e, se dovessimo vincere, cercheremo di andare il più avanti possibile. Ma nei nostri programmi la promozione dovrebbe arrivare tra un paio d’anni».
Che squadra è questo Civitavecchia? Cerchiamo di capirlo attraverso le parole del presidente civitavecchiese. «La nostra è una squadra formata interamente da giocatori locali che arrivano dal nostro vivaio. L’età media della squadra è di circa trent’anni ma già il prossimo anno la media dovrebbe abbassarsi perché in prima squadra saranno inseriti diversi giocatori provenienti dall’Under 18. Per quanto invece riguarda l’aspetto più prettamente agonistico-sportivo, è una squadra che non ha grossi punti deboli. Il pacchetto di mischia è forse il nostro punto di forza ma anche a livello di trequarti non siamo messi male».

Sul sito ufficiale della squadra biancogiallorossa si legge “Oggi il progetto ambizioso è di riuscire ad arrivare alle serie superiori, tramite un attenta programmazione, legata allo sviluppo e promozione del settore giovanile”. Belle parole, complimenti.

Infine, per tutti i tifosi iblei che non potranno seguire la loro squadra in quest’importante trasferta, l’Oncoibla Padua Ragusa ha previsto la diretta testuale in Live Blogging sul proprio sito (www.ragusarugby.it), grazie alla quale sarà raccontata, minuto per minuto, l’intera gara. Sulla stessa piattaforma, inoltre, i tecnici della società iblea stanno lavorando per proporre anche la visione in streaming della partita. Riguardo a questa possibilità sapremo essere più precisi nelle prossime ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*