Lun. Dic 5th, 2022
Print Friendly, PDF & Email

“Personalmente e a nome dell’Associazione Arena Sferisterio esprimo profonda gratitudine al Presidente Franco Gazzani e all’intero Consiglio della Fondazione Carima per il contributo di 250.000 Euro che anche quest’anno hanno voluto confermare allo Sferisterio Opera Festival”.

Queste le sentite parole del Sindaco di Macerata e Presidente dell’Associazione Arena Sferisterio, Romano Carancini, secondo il quale “le modalità con le quali la scelta è stata fatta dimostrano ancora una volta l’affetto della Fondazione Carima nei confronti di un evento culturale di così grande importanza per la città e per l’intero territorio provinciale. Per il futuro sono sicuro che nel reciproco rispetto delle funzioni di ciascuno, e con la totale fiducia reciproca, alimentata dalla condivisa missione di fare il bene della comunità territoriale, sapremo insieme dialogare e lavorare per ideare ed attuare progetti in grado di rispondere ai bisogni delle persone con uno spirito di apertura ed inclusione di tutti i Comuni dell’intera provincia rispetto ai quali l’Associazione Arena Sferisterio – i cui soci sono il Comune e la Provincia di Macerata – intende porsi in un’ottica di servizio”.

Grande soddisfazione ha espresso anche il Direttore Artistico Pier Luigi Pizzi, che ha iniziato le prove fin da sabato 25 giugno per gli allestimenti delle opere in programma.

Lo Sferisterio Opera Festival 2010 si aprirà all’Auditorium San Paolo giovedì 29 luglio alle ore 18 con la conferenza inaugurale di Massimo Cacciari sul tema “A maggior gloria di Dio” e alle ore 21 all’Arena Sferisterio con il Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi, opera sacra pubblicata a Venezia nel 1610, lo stesso anno della scomparsa di Padre Matteo Ricci. Si prosegue allo Sferisterio con le tre opere Faust di Charles Gounod, La forza del destino e I Lombardi alla prima crociata di Giuseppe Verdi. Al Teatro Lauro Rossi in programma un dittico d’eccezione: Juditha triumphans di Antonio Vivaldi, oratorio sacro del 1716, Attila di Giuseppe Verdi del 1846, che si esegue nella stessa giornata.

Per il Vespro della Beata Vergine di Monteverdi (29 luglio, ore 21) direttore è Marco Mencoboni, alla guida del Complesso vocale e strumentale del Cantar Lontano.

Il Faust di Gounod (30 luglio, 3 e 7 agosto, ore 21) sarà diretto da Jean-Luc Tingaud. Nel cast: Teodor Ilincai (Faust), Alexander Vinogradov (Mèphistophélès), Luca Salsi (Valentin), William Corrò (Wagner), Carmela Remigio (Marguerite), Ketevan Kemoklidze (Siebel), Annunziata Vestri (Marthe).

La forza del destino di Verdi (31 luglio, 4 e 8 agosto ore 21) è diretta da Daniele Callegari. Interpreti: Luca Dall’Amico (Il Marchese di Calatrava), Teresa Romano (Leonora), Marco Di Felice (Don Carlo), Zoran Todorovich (Don Alvaro), Elisabetta Fiorillo (Preziosilla), Roberto Scandiuzzi (Il padre guardiano), Paolo Pecchioli (Frà Melitone), Annunziata Vestri (Curra), Giacomo Medici (Un alcalde), Paulo Paolillo (Mastro Trabucco).

Per I Lombardi alla prima crociata di Verdi (1, 5, 9 agosto ore 21) direttore è ancora Daniele Callegari. Nel cast: Roman Sadnik (Arvino), Michele Pertusi (Pagano), Alexandra Zabala (Viclinda), Dimitra Theodossiou (Giselda), Andrea Mastroni (Pirro), Enrico Cossutta (Un priore della città di Milano), Luca Dall’Amico (Acciano), Francesco Meli (Oronte), Annunziata Vestri (Sofia). Anbeta Toromani è ballerina solista.

Per le tre opere la regia, il dispositivo scenico e i costumi saranno firmati da Pier Luigi Pizzi, coreografo sarà Gheorghe Iancu, mentre il disegno delle luci è affidato a Sergio Rossi. L’orchestra è la Regionale delle Marche, il Coro è il Lirico Marchigiano “V. Bellini” diretto da David Crescenzi, il complesso di palcoscenico è la Banda “Salvadei” di Macerata. Tutti e tre gli spettacoli si avvalgono della partecipazione del gruppo di danza “Aeros”, composto da atleti appartenenti alla Federazione di Ginnastica artistica, aerobica e ritmica Rumena.

Chiudono il Festival Juditha triumphans di Vivaldi (6, 10 agosto – ore 18) ed Attila di Verdi (6, 10 agosto, ore 21), diretti da Riccardo Frizza, con la regia, le scene ed i costumi di Massimo Gasparon e il disegno luci di Vincenzo Raponi. Per l’oratorio di Vivaldi gli interpreti sono Milijana Nikolic (Juditha), Giacinta Nicotra (Vagaus), Francois Razek Bitar (Holofernes), Davina Rodrìguez (Abra), ed Alessandra Visentin (Ozias). Nel cast dell’opera verdiana sono presenti Nmon Ford (Attila), Claudio Sgura (Ezio), Maria Agresta (Odabella), Antonio Coriano (Foresto), Enrico Cossutta (Uldino), Alberto Rota (Leone). Suona la Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, il Coro è il Lirico Marchigiano “V. Bellini” diretto da David Crescenzi.

Da Sferisterio Opera Festival – Macerata

Di Staff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *