Il rock dei Déferlantes

Print Friendly, PDF & Email

pattismithDAL NOSTRO INVIATO. La seconda serata del festival “Les Déferlantes” è stata interamente consacrata al rock, al rock coniugato in tutte le salse, da quello “estremo” dei Jack of Hearth a quello dalla faccia pulita dei Gush. Ma è stata soprattutto la serata dei due mostri sacri della scena rock internazionale, Patti Smith e Iggy Pop, e della stella nascente francese, Izia.

La prima ad esibirsi, alle 20,15, è stata Patti Smith e i tanti fan che hanno riempito il prato del castello di Valmy non sono rimasti delusi. Hanno infatti potuto assistere a uno dei migliori concerti della “sacerdotessa del rock”, un concerto durante il quale la Smith ci ha proposto il meglio del proprio repertorio, mescolando sapientemente il vecchio con il nuovo e che ha toccato l’apice quando, in chiusura, abbiamo ascoltato una lunghissima versione “Gloria” con un crescendo rossiniano. Da pelle d’oca.

Quaranta minuti dopo è stata la volta all’altra icona rock, quell’Iggy Pop, vero animale da palcoscenico, che è stato capace di elettrizzare per un’ora e mezza gli ottomila che anche ieri sera affollavano il parco. Chitarre distorte, ritmi indiavolati, atteggiamenti da vera rockstar: Iggy non ci ha fatto, e non si è fatto, mancare nulla, non risparmiandosi nemmeno un secondo, e confezionando uno dei migliori momenti dell’intero festival.

Infine, ultima ad esibirsi, era quasi l’una, è stata Izia, una ragazzina di vent’anni ma con una voce e una presenza scenica degne delle migliori rockstar, che ci ha proposto un’ora e mezza di rock a tutto tondo. D’altra parte, Izia è figlia di uno dei più grandi cantanti d’oltralpe, Jacques Higelin. E se buon sangue non mente… Il nostro consiglio è, se potete, non lasciatevi scappare l’occasione di ascoltarla dal vivo.

Stasera il festival si ferma e cede il passo alla finale del campionato del mondo di calcio. Appuntamento quindi a lunedì per l’ultima serata. Momento clou, il concerto dei Deep Purple.

Per chiudere, vorrei tranquillizzare la nostra lettrice Mara: sia Patti Smith che Suzanne Vega non ci hanno purtroppo detto nulla, né a noi, che siamo, lo sanno tutti, esilaranti, né, e questo un po’ ci consola, agli altri colleghi che, anche questo lo sanno tutti, sono meno esilaranti di noi.

(nella foto, Patti Smith)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*