Dulce Pontes ha inaugurato la IX edizione di Note di Notte

Print Friendly, PDF & Email

Dulce Pontes _MG_4688Momentos è l’album che segna i vent’anni della mia carriera, ma non è un best-off”. Queste le parole di Dulce Pontes, l’artista portoghese che il 20 luglio ha inaugurato la IX edizione del Festival Note di Notte. La intervisto a fine concerto, dietro le quinte del palco del Castello di Donnafugata (Ragusa), partendo appunto dal suo ultimo album.“Dopo esser diventata mamma per la seconda volta, sono tornata in studio solo dopo quindici giorni dalla nascita di Maria che adesso ha un anno e mezzo. Avevo la necessità di trasmettere alla gente come è Dulce Pontes dopo vent’anni, cantando qualcosa che non era registrato in altri dischi e cercando un momento speciale per le sue caratteristiche musicali come la rivisitazione di Lagrima e la nuova versione di A canção do mar; e poi c’è la caratteristica del fado, del folclore, della musica tradizionale portoghese. Ho cercato di fare un disco più ampio con duetti e differenti musicalità”.

Il tuo incontro con Ennio Morricone…

“È stato un momento intensissimo, molto emozionante. Già ero un’appassionata di Ennio Morricone. Nel 1994 abbiamo registrato il disco Focus, poi mi ha invitato a fare concerti in differenti posti del mondo; questa è stata una scuola insostituibile. Tra di noi c’è una comunicazione telepatica, molto immediata, ci capiamo…”

Quanta vita personale c’è nelle tue canzoni?

“Tanta, ma non unicamente personale, è onnicomprensiva di cose che sono di tutti. Come diceva Janis Joplin ciò che cerchiamo tutti è l’amore. Io canto l’amore che ci regala un soffio che accende di se ogni cosa”.

Progetti futuri?

“Ne abbiamo tanti, tanti, tanti! Sono molto entusiasmata per il progetto dell’Orchestra della Taranta. Sono molto impegnata… ho sempre la paura di non corrispondere a quello che vuole la gente”.

La sua voce, la sua eleganza, la sua gestualità hanno incantato il vasto pubblico presente. Accompagnata da Óscar Viana (oboe, corno inglese), Davide Zaccaria (violoncello), Luis Pontes (chitarra acustica), Joao Lima (chitarra portoghese), Fernando Silva (chitarra portoghese), Fred Gato (basso acustico), Joxan Giokoetxea (fisarmonica) e Joao Ferreira (percussioni), si è esibita proponendo brani da tutti i suoi lavori discografici ed alcuni inediti. Un’artista d’eccezione che ha dato il via al Festival Note di Notte che prosegue con Luis Bacalov, in esclusiva regionale, a Villa Anna (Ispica) il prossimo 25 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*