Strage al Love Parade: anche un’italiana tra le 19 vittime

Print Friendly, PDF & Email

Mentre è salito il numero delle vittime di ieri, causate dalla calca enorme che si è registrata al Love Parade di Duisburg,  si apprende che anche un’italiana è morta nella ressa.

Lo ha comunicato l’Unità di Crisi della Farnesina, che non ha escluso il coinvolgimento anche di altri connazionali.

Le autorità tedesche non hanno ancora completato l’elenco delle persone decedute né delle persone ferite. Attualmente il bilancio è di almeno 19 morti  e 342 feriti. Quando si saranno concluse le operazioni di accertamento ci sarà una conferenza stampa, che si reputa potrà esserci oggi alle ore 12.

La tragedia è accaduta ieri nei pressi del tunnel della ‘Karl-Lehr-Strasse’,  mentre centinaia di migliaia di persone si dirigevano verso il Love Parade, il principale festival di musica techno dell’anno.

Non si sa di preciso cosa abbia scatenato la ressa. Secondo la polizia alcuni giovani avevano cercato di scalare un muro e una scala, cadendo in mezzo alla folla. Si sarebbe così creata un’ondata di panico.

Al festival di musica techno, il Love Parade, si stimava che potesse arrivare di più di un milione di visitatori, ma il posto in cui si svolgeva poteva contenere un massimo di 250.000 persone, mentre l’accesso sembra che fosse accessibile solo attraverso un tunnel.

Secondo alcuni media tedeschi la rissa potrebbe invece essere scoppiata dopo che la polizia aveva tentato di chiudere l’accesso ad un gruppo di persone, sul posto in cui è avvenuta la tragedia.

Il festival, dopo la tragedia, non è stato sospeso per paura che potesse scatenarsi un’ulteriore ondata di panico e molti dei partecipanti, durante la manifestazione,  non hanno saputo neanche ciò che era accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*