Licenza di matrimonio e licenza di ridere

Print Friendly, PDF & Email

Un film di Ken Kwapis in onda su Canale 5, con Robin Williams, Mandy Moore, Christine Taylor, Eric Christian Olsen, Josh Flitter – Titolo originale License To Wed.

“Sposarsi è bellissimo, ma restare incollati senza rimpianti è affar mio”, questo è il sintetico concetto del film, espresso da un prete che mette alla prova una giovane coppia che sta per sposarsi costringendo i due ragazzi a frequentare un corso pre-matrimoniale e sottoponendoli ad una serie di situazioni sempre più complesse.

Il reverendo Frank è un esilarante e bravissimo Robin Williams che non intende benedire l’unione dei due giovani fino a che non avranno frequentato e superato il suo corso di preparazione al matrimonio. Il corso consiste in una serie di stravaganti lezioni, bizzarri compiti a casa e alcune intrusioni nella privacy che mettono a dura prova il rapporto tra i due ragazzi. “Il matrimonio sa da fare, ma prima il corso, lo caldeggio caldamente, non avete scelta, voglio essere sicuro della vostra felicità”!

Ormai Robin Williams, ci ha abituati alla sua bravura recitativa e qui nella parte del  reverendo Frank  evidenzia le sue capacitò di attore comico che regge l’intera trama narrativa di questa  commedia dal carattere leggero e familiare.

La trama è lineare come la regia, i momenti comici non mancano, le battute piene di spirito anche, il tutto condito da una buona recitazione, trainata soprattutto dalla presenza del premio oscar Williams, che trascina i giovani Krasinski e Moore, un po’ scialbi ma credibili.

Una cosa però è certa: anche a noi come al protagonista, viene voglia di  prendere a pugni il Reverendo Frank, prima della fine del film, in un momento catartico e liberatorio, perché le prove da superare sono decisamente inconsuete e la sua invadenza veramente irritante: “ Litigate su, dai, impariamo a mettere alla prova quest’unione perfetta”… E per un sano terrorismo psicologico visita al reparto maternità: “Dicono che per provare un dolore come quello del parto, un uomo dovrebbe tirare lo scroto fin sopra la testa”!…poi  per la prova di comunicazione in cui lei deve poter contare sul suo lui e fidarsi  e affidarsi “ciecamente”…infatti,  li mette in auto, con lei alla guida, bendata, nel traffico caotico cittadino, guidata solo dalle parole di lui…inevitabilmente a seguito di prove così condensate e impegnative, la coppia si separa, ma Frank non si scompone:” la vita è mai come la sognavi”? …alla fine comunque l’amore trionfa, la cerimonia si celebra e il reverendo Frank li dichiara : marito e moglie!

Del resto se sono riusciti a superare il suo corso possono affrontare tranquillamente le prove della vita reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*