Gli 80 anni di Pier Luigi Pizzi

Print Friendly, PDF & Email

Gli ottanta anni di Pier Luigi Pizzi con la sfida della direzione artistica e della regia scene e costumi di tre nuovi allestimenti lirici il 30, il 31 luglio ed il 1 agosto, per lo Sferisterio Opera Festival. Si inaugura giovedì 29 agosto con la conferenza di Massimo Cacciari alle ore 18, per proseguire con il Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi all’Auditorium San Paolo alle ore 21.

A seguire allo Sferisterio Faust di Gounod venerdì 30 luglio, La forza del destino di Verdi sabato 31 luglio e I lombardi alla prima crociata domenica 1 agosto. Un solo dispositivo scenico per rinnovarsi in un momento di forti tagli e grandi cast vocali all’altezza dei più prestigiosi teatri internazionali. Rigore e qualità, queste le regole di Pier Luigi Pizzi.

Spiega il Direttore Artistico Pier Luigi Pizzi: “Fin dall’inizio dello Sferisterio Opera Festival, dal 2005, ho voluto per la stagione lirica maceratese uno stile riconoscibile nel segno dell’essenzialità. Mi sono lasciato ispirare dall’architettura neoclassica dello Sferisterio, e fin da subito ho voluto restituire a questo monumento meraviglioso l’imponenza del suo palcoscenico liberandolo degli ingombri che erano stati fatti negli anni passati per riporre le scene. Da questo respiro nuovo che il palcoscenico ha avuto, è nata l’idea di fare dispositivi scenici che fossero strettamente utili alla messa in scena ed ai sentimenti in gioco, senza orpelli. Questo lo abbiamo fatto in un periodo in cui i bilanci dello Sferisterio erano in rosso… Cinque anni dopo non solo i bilanci sono stati pienamente risanati, ma continuiamo a fare la nostra stagione ogni anno con nuovi allestimenti, aumentando i titoli e la qualità dei cast. Questo è il dato di cui sono più fiero, oggi, ad 80 anni compiuti”.

Lo Sferisterio Opera Festival 2010 inaugurerà giovedì 29 luglio alle ore 18 all’Auditorium San Paolo con la conferenza di Massimo Cacciari dal titolo “A maggior gloria di Dio”, una conversazione che prende spunto dal tema proposto da Pier Luigi Pizzi per il Festival, per celebrare, come tutta la programmazione, il quarto centenario della morte di Padre Matteo Ricci, gesuita, missionario in Cina, scienziato, letterato, uomo di fede.

A seguire, ancora all’Auditorium San Paolo, alle ore 21, l’esecuzione del Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi, un indiscusso capolavoro della musica sacra di tutti i tempi ed una partitura monumentale di straordinario fascino. La composizione sacra verrà eseguita alle ore 21 all’Arena Sferisterio, affidata a Marco Mencoboni alla guida del Complesso vocale e strumentale del Cantar Lontano.

Si prosegue allo Sferisterio con le tre opere Faust di Charles Gounod (venerdì 30 giugno ore 21) diretta da Jean-Luc Tingaud, La forza del destino (sabato 31 agosto ore 21) e I Lombardi alla prima crociata di Giuseppe Verdi (domenica 1 agosto ore 21), entrambe con la direzione di Daniele Callegari. Per le tre opere la regia, il dispositivo scenico e i costumi sono di Pier Luigi Pizzi, coreografo Gheorghe Iancu, disegno luci di Sergio Rossi. L’orchestra è la Regionale delle Marche, il Coro è il Lirico Marchigiano “V. Bellini” diretto da David Crescenzi, il complesso di palcoscenico è la Banda “Salvadei” di Macerata, il gruppo di danza è l’“Aeros”.

Il Faust di Gounod (30 luglio, 3 e 7 agosto, ore 21) sarà diretto da Jean-Luc Tingaud. Nel cast: Teodor Ilincai (Faust), Alexander Vinogradov (Méphistophélès), Carmela Remigio (Marguerite), Luca Salsi (Valentin), Ketevan Kemoklidze (Siebel), William Corrò (Wagner), Annunziata Vestri (Marthe). La forza del destino di Verdi (31 luglio, 4 e 8 agosto ore 21) è diretta da Daniele Callegari. Interpreti: Teresa Romano (Leonora), Zoran Todorovich (Don Alvaro), Roberto Scandiuzzi (Il padre guardiano), Marco Di Felice (Don Carlo), Ziyan Atfeh (Il Marchese di Calatrava), Anna Maria Chiuri (Preziosilla), Paolo Pecchioli (Frà Melitone), Annunziata Vestri (Curra), Giacomo Medici (Un alcalde), Paulo Paolillo (Mastro Trabucco). Per I Lombardi alla prima crociata di Verdi (1, 5, 9 agosto ore 21), opera mai rappresentata allo Sferisterio, direttore è ancora Daniele Callegari. Nel cast: Dimitra Theodossiou (Giselda), Francesco Meli (Oronte), Michele Pertusi (Pagano), Alessandro Liberatore (Arvino), Alexandra Zabala (Viclinda), Andrea Mastroni (Pirro), Enrico Cossutta (Un priore della città di Milano), Luca Dall’Amico (Acciano), Annunziata Vestri (Sofia). Anbeta Toromani è ballerina solista.

Dopo le tre ‘prime’ d’opera allo Sferisterio si prosegue al Teatro Lauro Rossi in programma un dittico d’eccezione: Juditha triumphans di Antonio Vivaldi, oratorio sacro del 1716, Attila di Giuseppe Verdi del 1846, che si esegue nella stessa giornata.

I tre titoli d’opera allo Sferisterio ed il dittico al Teatro Lauro Rossi sono nuove produzioni.

Lo Sferisterio Opera Festival 2010 è realizzato dall’Associazione Arena Sferisterio i cui soci sono il Comune di Macerata e la Provincia di Macerata. Contribuiscono alla realizzazione della stagione gli Official Sponsor Banca Marche e Italcogim Energie, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Marche, la Camera di Commercio di Macerata, la Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata, oltre alla Società Civile dello Sferisterio.

Info: Associazione Arena Sferisterio, Via S. Maria della Porta 65, 62100 Macerata

tel 0733261335 Fax 0733261499

Box Office: Piazza Mazzini, 10, 62100 Macerata. tel. 0733 230735 boxoffice@sferisterio.it

Comunicato inviato dall’ Ufficio stampa Sferisterio Opera Festival

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*