La Polonia in Italia

Print Friendly, PDF & Email

marchionne-fiat-250

Con una operazione truffaldina fatta alla luce del sole Marchionne si sottrae alle leggi ed ai contratti vigenti in Italia.  Va da un notaio e con l’aiuto di alcuni legulei del diritto costituisce una  società Fiat che subentra alla Fiat.  Lo stabilimento Giovanbattista Vico forse sarà chiamato diversamente e sarà giuridicamente appartenente ad una nuova entità che tuttavia è una clonazione della Fiat, partorita dentro il corpo e con la stessa proprietà. Gli Agnelli succedono a se stessi. Si limitano a cambiare  ragione sociale al solo scopo di truffare i lavoratori, sciogliersi da ogni obbligo, scegliersi la mano d’opera disponibile alle condizioni che Marchionne si degnerà di dettare e ridettare e che magari saranno ancora più dure ed opprimenti di quelle già firmate qualche giorno fa a Pomigliano e poi a Torino.

Al fine di disattendere agli obblighi di rispettare il contratto di lavoro a Marchionne è stato suggerito, magari dai “complici” di Sacconi, di non fare iscrivere la Newco all’Unione degli Industriali di Napoli. Non so quali legulei abbiano suggerito le due escamotage (Newco e non iscrizione) che fanno  acqua da tutte le parti.  In primo luogo è chiarissimo che si sta compiendo un falso. Tutti sappiamo che la Newco non è affatto Newco ma la Fiat travestita. L’operazione Alitalia non è evocabile dal momento che la cordata della Cai era costituita da persone fisiche e giuridiche diverse da quelle dell’Alitalia. In secondo luogo, secondo la generale interpretazione delle norme che regolano il passaggio delle società queste avvengono sempre rispettando i vincoli e le obbligazioni da parte della società subentrante. Non credo che il signor Marchionne che ha concepito o fatta propria questa spregevole e furbastra soluzione per evadere gli obblighi di un contratto di lavoro che non è tra i migliori d’Europa  perché  concede ai metalmeccanici italiani il quaranta per cento in meno di quello tedesco e di quello francese possa azzerare tutto, ricominciare da capo, fare come se la storia cominciasse ora. Che farà delle anzianità maturate dai dipendenti? Che farà la nuova società delle obbligazioni contratte dalla Fiat Pomigliano?

Anche la cancellazione dalla Confindustria non gli servirà a molto. Il contratto è legittimato dalla sua stessa applicazione. Non credo che ci sarà magistrato che potrà accettare per buono il nuovo contratto della Newco. Il principio erga omnes, nella sua logica lettura giuridica, esclude che una furbata possa danneggiare interessi vitali ed essenziali delle persone legate al diritto di avere un trattamento equo e rispondente ai principi della Costituzione.

Marchionne ritiene di potere trasferire le condizioni che detta in Polonia in Italia. Ritiene che con due mosse da azzeccagarbugli possa fare i suoi comodi. Fare il manager in questo modo annullando le leggi ed i regolamenti che si ritengono di impedimento è davvero da volgare scippatore. L’industria automobilistica tedesca o francese che paga salari migliori di quelli italiani non ricorre ai trucchi che questo signore sfoggia in Italia. Purtroppo abbiamo un governo indecente moralmente e politicamente incapace di esercitare la sua autorità per impedire questo squallido traccheggio.

La Fiat si conferma per quella che è sempre stata nella storia d’Italia fin da quando un Agnelli riuscì a fare fuori i veri soci  fondatori dello stabilimento ed impossessarsene. E’ sempre vissuta appoggiandosi al potere politico ed anche militare quando è stato il caso per pagare bassissimi salari ed imporre condizioni da caserma. Allo Stato italiano ha succhiato risorse immense. I lavoratori sono talmente poveri da non potere resistere un mese senza salario ma gli Agnelli hanno una cassaforte  munita e presidiata che li fa  ricchissimi. Ora si  vuole imporre una sovversione dell’ordine sociale cancellando i contratti e per fare questo con l’aiuto di qualcuno costruisce carte false.

Mi chiedo quale dignità abbiamo le istituzioni italiane a subire tutto questo, a farsi trattare da colonia dal signor Marchionne.  Anche un Governo di destra dovrebbe avere la dignità di reagire e di tutelare l’ordinamento dal sovversivismo di una industria che oltretutto non gioca a carte scoperte e chissà quali altre amare sorprese ci riserva.  Il Parlamento che tace e gira la testa da un’altra parte ne esce assai male. I mille oligarchi che lo compongono sono soltanto dei privilegiati a cui non importa il decoro che l’operazione Marchionne spazza via. Si torna all’era delle caverne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*