Va in scena il FAUST, martedì 3 agosto

Print Friendly, PDF & Email

Martedì 3 agosto alle ore 21, va in scena finalmente allo Sferisterio di Macerata, per lo Sferisterio Opera Festival 2010, il nuovo allestimento di Faust (replica il 7 agosto), dopo l’annullamento della prima dello scorso 30 luglio causato dalla pioggia. Faust, dramma lirico in cinque atti di Charles Gounod, torna allo Sferisterio di Macerata dopo 13 anni di assenza: vi fu infatti rappresentato per la prima e unica volta nel 1997.

A Macerata, Faust andrà in scena in lingua originale e sovratitoli in italiano con la direzione di Jean-Luc Tingaud, la regia le scene ed i costumi di Pier Luigi Pizzi, le coreografie di Georghe Iancu, i movimenti coreografici di massa e mimici di Roberto Maria Pizzuto, il disegno luci di Sergio Rossi, e interpreti di grande fama come: Teodor Ilincai (Faust), Carmela Remigio (Marguerite), Alexander Vinogradov (Méphistophélès), Luca Salsi (Valentin), Ketevan Kemoklidze (Siebel), William Corrò (Wagner) e Annunziata Vestri (Marthe). L’orchestra è la Regionale delle Marche, il Coro è il Lirico Marchigiano “V. Bellini” diretto da David Crescenzi, il complesso di palcoscenico è la Banda “Salvadei” di Macerata, partecipa il gruppo di danza “Aeros”, composto da atleti appartenenti alla Federazione di Ginnastica artistica, aerobica e ritmica Rumena.

La storia è tratta dal Faust di Johann Wolfgang von Goethe, filtrato dal gusto borghese dell’opéra- comique e dalla successiva trasformazione in grand-opéra: in cambio dell’anima venduta al demonio, Faust riacquista una brillante giovinezza capace di sedurre la meravigliosa Margherita, ma alla fine sarà lei a morire invocando il perdono di Dio. Nell’opera il tema amoroso si intreccia a quello religioso, tra perdizione e redenzione, e si adatta dunque al titolo dell’edizione 2010 dello Sferisterio Opera Festival, dedicata al tema “A maggior Gloria di Dio”.

Faust replica sabato 7 agosto, sempre alle ore 21. In occasione dello spettacolo, sarà offerto agli spettatori ipovedenti o non vedenti presenti in sala un servizio di audio descrizione delle opere: il commento audio su personaggi, scene e movimenti arriva nella cuffia che cuffia tramite un sistema di trasmissione senza fili. Il progetto, avviato allo Sferisterio lo scorso anno, nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Arena Sferisterio con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus e con l’Università di Macerata.

Biglietti: da 15 a 150 euro.

Info: Box Office, Piazza Mazzini 10 – Macerata, tel 0733 230735 boxoffice@sferisterio.it

Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*