Sogni di Cartone alla “Notte delle Donne”

Print Friendly, PDF & Email

DSCN0473Ieri sera la pioggia che ha imperversato sulla Puglia negli ultimi giorni ha lasciato spazio alle emozioni, quelle vere, quelle intense, quelle sprigionate da idee che hanno alla base sostanza e non chiacchiere.

Questo lo spirito dell’iniziativa “La notte delle donne” (11-25 Settembre) inaugurata ieri sera a Ruvo di Puglia (Bari) con un ospite fuori dal comune, lo scrittore Mauro Antonio Albrizio, autore di Sogni di Cartone, che ormai da tempo trova spazio tra le nostre pagine.

E’ doveroso però introdurre il discorso con lo spirito della manifestazione a cui abbiamo preso parte ieri sera. “La notte delle donne” richiama in qualche modo la festa della donna ma iniziamo subito col dire che non ha nulla a che fare con questa.

L’idea non è quella di festeggiare le donne ma quella di omaggiarle e rappresentarle attraverso l’arte: fotografia, pittura, scultura, letteratura, cinema e quant’altro.

Un modo innovativo per sostenere il lungo e duro cammino che le donne hanno iniziato molto tempo fa e che le ha portate a raggiungere solo alcuni dei tanti obiettivi desiderati e non in tutte le parti del mondo.

La donna oggi è, nonostante i traguardi raggiunti, costretta a combattere ancora contro pregiudizi, paura e ignoranza, schiacciata da un passato, ancora molto attuale, che la vede chiusa solo nel suo ruolo di madre e di moglie, colpevolizzando il suo desiderio di avere qualcosa da dire, qualcosa da dare…

Cosa centra Mauro Antonio Albrizio in tutto questo??? Ebbene, come sappiamo il suo libro Sogni di Cartone parla anche del suo burrascoso rapporto con le donne, inquadrato simbolicamente nell’analogia della “Donna e il Polpo”: capitolo introduttivo del libro, messo in scena con un atto teatrale, rivoluzionando così il format di presentazione dei libri.

Questa volta però Mauro è andato molto più in là, per “La notte delle donne”, l’intrigante scrittore dagli occhi azzurri ha portato in scena ben tre momenti del suo libro, in quella che è diventata una vera rappresentazione teatrale articolata in tre atti: “Sentimento, ragione e coscienza”. Nel primo atto troviamo ancora la “Donna e il Polpo”, simpatico e malizioso cavallo di battaglia, di cui non si può fare a meno e che diventa necessario per affrontare sentimento e coscienza. Il secondo e il terzo atto della presentazione svelano alcuni momenti toccanti del libro, la fine di un rapporto d’amore e la presa di coscienza di se stesso che Albrizio fa tramite la psicoterapia, ginnastica mentale di cui tutti avremmo bisogno, per capire cosa si cela dietro i nostri comportamenti.

Sono stati momenti toccanti. I toni canzonatori, spesso usati dal dott. Albrizio, si fanno improvvisamente seri, il buio della scena nasconde le lacrime ma le emozioni sono palpabili, si muovono con lui sulla scena in una danza coinvolgente e commuovente.

Co-protagonista sulla scena assieme a Mauro è la sua valigia blu, riempita negli anni di ricordi che vengono tirati fuori e mostrati, stimmate di un dolore penetrante ma necessario per rimediare ai traumi a cui la vita ci sottopone sin dall’inizio, nel trauma più grande, quello della nostra nascita.

“Ragione, sentimento e coscienza” torna in Puglia ad Ottobre..vi terremo aggiornati…

locandina a3 (2)Print This Post Print This Post

1 commento

  1. Mercoledi 13 ottobre, video intervista a Mauro Antonio Albrizio.
    Tra coloro che lasceranno un commento , un saluto, una domanda all’autore, verranno sorteggiati due libri autografati .
    Ci vediamo nel blog :

    http://www.junerossblog.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*